Alfabetizzazione digitale per 10mila cittadini

Alfabetizzazione digitale per 10mila cittadini

Alfabetizzazione digitale per 10mila cittadini

"Non so niente di internet, non so bene come funziona un computer". "Se non c'è mia figlia non riesco a consultare gli orari dell'ambulatorio medico". "Vorrei comprare da casa il biglietto del treno". "Mi piacerebbe un sacco trovare le ricette su internet..." Frasi "tipo", pronunciate da anziani, donne - perlopiù casalinghe - , immigrati over 45. Persone che sono distanti (per età, interessi, usi, abitudini) dal computer e dall'universo di internet. Diecimila di loro saranno "alfabetizzati" in Emilia-Romagna.

 

L'operazione verrà svolta nei prossimi mesi attraverso veri e propri corsi di alfabetizzazione digitale, per un minimo di 630  edizioni spalmate nel triennio 2011-2013: è quanto prevede la seconda edizione di "Pane e internet", che replica il progetto regionale 2009-2010 su tutto il territorio adattando il modello organizzativo alle esigenze emerse nel corso della sperimentazione.


"Abbiamo già superato da tempo la fase in cui l'uso del computer e di internet era considerato un lusso, o un'attività per il tempo libero. Grazie anche agli investimenti fatti dalla Regione nel settore - ha sottolineato oggi l'assessore alle Reti di infrastrutture materiali e immateriali Alfredo Peri in occasione della firma del protocollo "Pane e internet" - , l'accesso alla rete e il suo utilizzo sono sempre più diffusi nella vita quotidiana di cittadini, famiglie e imprese. E' fondamentale quindi fornire le competenze digitali di base a quelle fasce che, per i motivi più diversi, risultano ancora tagliate fuori. ‘Pane e internet' dunque - ha concluso l'assessore - è un progetto che serve a ridurre le distanze: territoriali, generazionali, sociali, oltre che informatiche e tecnologiche. E' un progetto, quindi, che risponde prima di tutto a un diritto dei cittadini, e che favorisce la coesione sociale della comunità".  


Lo strumento individuato da "Pane e internet" (www.paneeinternet.it) è il corso di alfabetizzazione digitale (della durata di 20 ore), che copre diversi contenuti: dall'uso delle semplici funzionalità del computer al saper cercare informazioni in internet, all'utilizzo della rete per usufruire dei servizi on line. Per rafforzare l'azione di "Pane e internet" è strategico operare in  un'ottica di allargamento  e rafforzamento delle forme di collaborazione  e integrazione fra i soggetti istituzionali e non, presenti sul territorio, al di là delle singole competenze di settore: con quest'obiettivo Anci, Upi, Lega autonomie locali, Uncem, Forum terzo settore e sindacati dei pensionati vengono coinvolti con un apposito protocollo, firmato con la Regione.

 

I risultati dell'edizione 2009-2010
L'offerta formativa di "Pane e internet" 2009-2010 era rivolta, in particolare, ai cittadini residenti in territori marginali, come aree rurali, montane e decentrate; i risultati, in termini di adesione e partecipazione al progetto, hanno confermato una forte domanda di "alfabetizzazione": 2714 i cittadini che hanno partecipato ai corsi realizzati in 47 comuni, utilizzando sedi scolastiche, centri civici e biblioteche.  Per informare i cittadini dell'opportunità offerta da "Pane e internet", gli Urp dei Comuni, le biblioteche, le associazioni, le scuole, i Centri per l'impiego e il camper promozionale hanno diffuso 122.200 volantini e 4.625 locandine.

 

Il camper di "Pane e internet" ha poi effettuato su tutto il territorio 80 uscite nelle piazze dei Comuni sede di corso e in quelli limitrofi. Complessivamente, nel biennio 2009-2010 sono state realizzate 190 edizioni del corso di alfabetizzazione digitale in tutto il territorio regionale, per un totale di 3592 ore di formazione, 50 docenti, 38 tutor. Da un'indagine a campione a conclusione del corso è emerso che il 72% dei corsisti ha utilizzato il pc negli ultimi 3 mesi, il 30% ha ricercato informazioni, quasi il 40% ha cercato informazioni sulla pubblica amministrazione.

 

Durante la sperimentazione è stato possibile raccogliere una serie di elementi e indicazioni utili per tracciare le linee di sviluppo del progetto: il coinvolgimento diretto dei singoli territori comunali (la dimensione organizzativa ottimale dei corsi è l'ambito territoriale comunale o sovra comunale, con piccole aggregazioni di enti), la differenziazione delle attività per target, le attività per la terza età, l'incremento della comunicazione tra corsisti, il rafforzamento dell'attività peer-to-peer, la figura del facilitatore. Inoltre, l'estensione di "Pane e internet" a forme di intervento più legate allo sviluppo dei servizi di e-government della pubblica amministrazione: se un primo obiettivo è indubbiamente quello di rimuovere gli ostacoli che i cittadini possono incontrare nell'accesso alle tecnologie, un altro, non meno importante, è l'attivazione di iniziative di formazione/informazione rispetto all'uso dei servizi on-line della pubblica amministrazione.

 

L'edizione 2011-2013: obiettivi e risorse
La proposta di una seconda edizione del progetto "Pane e internet" per il 2011-2013 si basa sulla possibilità effettiva di "riutilizzare" un set di strumenti e di conoscenze sviluppati nel corso della sperimentazione a vantaggio degli enti che vorranno avviare il progetto sul loro territorio. E' possibile riutilizzare tutte le risorse didattiche, promozionali e organizzative già testate a livello regionale e realizzare delle economie di scala sia rispetto ai costi organizzativi e gestionali del progetto. Il budget di progetto - 1 milione e 660mila euro - rientra nelle risorse di bilancio per Piter (Piano telematico regionale). Potranno inoltre essere attivate sponsorizzazioni o forme di collaborazione con soggetti privati sul territorio finalizzate sempre e solo alla diminuzione del divario digitale in termini di conoscenza, servizi e strumenti. I corsi di "Pane e internet" 2011-2013 partiranno prima dell'estate, e saranno preceduti dalla campagna di comunicazione/informazione che consentirà alle persone interessate di venire a conoscenza dell'iniziativa e iscriversi.

  

Le linee di intervento 2011-2013
"Pane e Internet" modello base
E' necessario innanzitutto dare una risposta a quei cittadini che hanno aderito all'iniziativa 2009-2010, ma non hanno potuto partecipare ai corsi perché non c'erano posti sufficienti nel proprio territorio. Come risulta dal monitoraggio, è stato possibile coinvolgere nelle attività formative il 60% dei cittadini che ne ha fatto richiesta: occorre quindi dare la priorità alle domande presentate dai cittadini - a cui non si è potuto finora rispondere - in tutte le nove province dell'Emilia-Romagna.

 

"Pane e Internet" per target d'utenza 
Programmazione e attuazione di attività di alfabetizzazione contestualizzate (adottando anche modelli diversi dal modello base) con gruppi specifici di utenti (comprese le fasce deboli) in collaborazione con associazioni o altri soggetti presenti e attivi nel territorio.

 

"Pane e Internet" per nonni e nipoti
Nel documento conclusivo del Par (il Piano di azione regionale per la popolazione anziana) è indicata come una delle modalità più interessanti: consiste in una specifica linea di lavoro dedicata al rapporto giovani/anziani nell'alfabetizzazione all'uso di internet (e-inclusion e rapporto intergenerazionale). Questa linea "nonni-nipoti" verrà realizzata seguendo il modello di lavoro già consolidato di "Mondo digitale", che prevede il coinvolgimento di scuole e centri sociali quali luoghi privilegiati per la realizzazione dei corsi.

 

"Pane e Internet" mobile
Disponibilità del camper "Pane e internet" che ospita 5/6 postazioni mobili (pc) utili per la navigazione in internet che possono essere utilizzate per la promozione e diffusione dei servizi on line o per veri e propri mini corsi in zone a rischio di divario digitale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -