Alfonsine, estate in piazza con i farmaci equivalenti

Alfonsine, estate in piazza con i farmaci equivalenti

ALFONSINE - La campagna educazionale di Teva Italia "Equivalente. Conosci e scegli i farmaci equivalenti" fa tappa ad Alfonsine (RA) con due incontri dedicati ai farmaci equivalenti e alla prevenzione cardiovascolare. Martedì 5 luglio, alle 21.00, in Piazza Gramsci (angolo farmacia comunale), si terrà l'incontro "Farmaci Equivalenti: diamo una risposta alle tue domande", che ha lo scopo di dare una corretta informazione su questo tipo di farmaci, affinché ci si avvicini con maggiore fiducia al loro utilizzo. Mercoledì 13 luglio, invece, alle 21.00, sempre in piazza Gramsci, sarà la volta dell'incontro dedicato alla prevenzione delle malattie cardiovascolari "DireFareCuore: un patto contro il rischio cardiovascolare". L'iniziativa è promossa dal Comune di Alfonsine, dalla farmacia comunale di Alfonsine e dal gruppo RavennaFarmacie ed è patrocinata dall'AVIS, dal Comitato Cittadino per l'Anziano, da Pubblica Assistenza Città delle Alfonsine, da SPI-CGIL ed è resa possibile grazie al contributo di Teva Italia.

 

Tutti gli studi scientifici dimostrano che ridurre il sovrappeso, mantenersi attivi e consumare più frutta e verdura consentono non solo di vivere più a lungo, ma anche di sentirsi meglio, prevenendo malattie cardiovascolari. Diagnosi precoce e controllo di malattie quali ipertensione, iperglicemia, sindrome metabolica, diabete e obesità hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione di  scompenso cardiaco, ictus e infarto, che oggi, in Europa, sono causa del 48% di tutti i decessi. E quando è necessario ricorrere a farmaci è bene ricordare che esistono gli equivalenti (o generici). Il farmaco equivalente è qualità, sicurezza ed efficacia. Ma è anche risparmio, a vantaggio del cittadino e del Sistema Sanitario Nazionale, che può così concentrare le risorse per favorire l'accesso a terapie costose e innovative di ultima generazione. La maggior parte dei Paesi europei ha compreso l'importanze dell'uso dei farmaci equivalenti, al fine di garantire un'assistenza sanitaria eccellente ma, nello stesso tempo, sostenibile. In Italia c'è ancora strada da fare, visto che solo il 10% dei farmaci dispensati è generico, contro una media europea del 50%. Tutti gli operatori del settore, medici e farmacisti, sono quindi chiamati a contribuire alla diffusione della cultura del farmaco equivalente.

 

FARMACI EQUIVALENTI

I farmaci equivalenti (detti anche farmaci generici), pur avendo lo stesso principio attivo, presente alla medesima dose, la stessa forma farmaceutica, la stessa via di somministrazione e le stesse indicazioni terapeutiche del farmaco originale, costano meno, per motivi indipendenti dalla qualità del prodotto, legati alla commercializzazione e sviluppo. Forniscono le medesime garanzie di sicurezza, efficacia e qualità dei farmaci originali ma ad un prezzo inferiore. Questo a tutto vantaggio delle tasche dei cittadini e del Sistema Sanitario Nazionale.

 

MALATTIE CADIOVASCOLARI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le malattie cardiovascolari rappresentano una delle principali cause di morte nei Paesi industrializzati. Ipertensione arteriosa, iperglicemia, coronaropatie e vasculopatie, infarto e ictus sono patologie spesso invalidanti, destinate a crescere a causa dell'aumento dell'età media.  Si stima che gli ipertesi nel nostro Paese siano più di 12 milioni. Ne conseguono circa 195.000 episodi di ictus ogni anno (uno ogni 4 minuti e, in 12.000 casi, si tratta di persone con meno di 45 anni) e 160.000 infarti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -