AMBIENTE - Decise modalità di lavoro per la riqualificazione del territorio

AMBIENTE - Decise modalità di lavoro per la riqualificazione del territorio

BOLOGNA - La Commissione Territorio Ambiente Mobilità, presieduta da Gian Carlo Muzzarelli, ha preso in esame i 4 progetti di legge presentati sul tema del governo del territorio. Si tratta di: Governo e riqualificazione solidale del territorio, presentato dalla Giunta; Modifiche alla l.r. 19/98: "Norme in materia di riqualificazione urbana e per favorire esperienze di urbanistica partecipata", presentato da Ugo Mazza sd; "Deroghe alle volumetrie previste dagli indici di zona degli strumenti urbanistici generali in favore delle persone handicappate gravi", presentato dai consiglieri di an Bartolini, Aimi, Renzi, Vecchi; "Norme in materia di autocostruzione e auto recupero", presentato dai consiglieri di prc Masella e Delchiappo. Nella seduta precedente è stato deciso di abbinarne la disamina, assumendo come testo base per la discussione quello presentato dalla Giunta, ed è stato nominato relatore di maggioranza Mario Mazzotti (ds).


All'ordine del giorno della seduta di oggi c'era invece la nomina del relatore di minoranza e la definizione del programma dei lavori. In proposito, Ugo Mazza (sd) ha contestato le modalità con le quali è stato scelto il relatore di maggioranza, non per la competenza del collega, che peraltro stimo e ho votato, ha detto il consigliere, ma per il fatto che evidentemente, visto che non ne sono stato informato, è stata compiuta una scelta politica di due partiti su base ideologica. Se le motivazioni che hanno portato a questa scelta sono di inaffidabilità rispetto alla mia persona, ha quindi rilevato il consigliere, si apre un problema politico.


Mazza ha criticato poi la scelta della Giunta di presentare una legge che ne modifica quattro, ciascuna delle quali, a suo parere, per la complessità richiederebbe una discussione approfondita. In questo modo, ha detto, ci si costringe ad un voto unico, quasi un voto di fiducia alla Giunta, negando così ad ogni consigliere il diritto di entrare nel merito delle leggi e di votarle secondo coscienza. Il presidente Muzzarelli ha chiarito che la Commissione ha operato correttamente, infatti al momento della nomina del relatore non risultavano altre proposte e le forze politiche allora presenti hanno ritenuto di procedere votando il consigliere Mazzotti. Per quanto riguarda il problema politico sollevato da Mazza, il presidente ha ricordato che la Commissione non è certamente la sede per discuterne.


La Commissione ha quindi nominato Carlo Monaco (per l'e-r) relatore di minoranza dei progetti di legge. Circa l'organizzazione dei lavori, il presidente Muzzarelli, sulla base di quanto emerso nell'udienza conoscitiva recentemente svolta e per rispondere agli impegni assunti in quella sede, ha proposto una serie di incontri della commissione per ulteriori riflessioni e approfondimenti. In particolare ne ha indicati tre: con il tavolo dell'economia, con il mondo degli ordini professionali e con le associazioni di riferimento del mondo ambientalista. Dall'udienza, ha rammentato il presidente, mi pare sia giunta la sollecitazione unitaria ad andare avanti e l'indicazione di alcuni punti critici che saranno oggetto degli incontri.


Muzzarelli ha anche confermato l'intenzione di affrontare nella prossima seduta ufficiale del 22 novembre la discussione sulla delibera della Giunta riguardante la certificazione energetica, se sarà operativa, che si pone in stretta relazione con i progetti di legge. Sulla proposta del presidente, che è stata poi accolta, sono intervenuti Mazza (ds), Monaco (per l'e-r), Salomoni (fi), Mazzotti

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -