Amministrative Palermo, Procura apre inchiesta su brogli

Amministrative Palermo, Procura apre inchiesta su brogli

PALERMO – Dopo la denuncia presentata dal candidato del centro sinistra, Leoluca Orlando, per la poltrona come sindaco di Palermo, di brogli nelle elezioni amministrative dello scorso 12 e 13 maggio dominate dal sindaco uscende Diego Cammarata (Casa delle Libertà), la Procura di Palermo ha aperto un fascicolo.

La Digos ha consegnato mercoledì mattina un rapporto su quanto denunciato da alcuni cittadini e da Orlando. Gli investigatori sono partiti dalle quattro denunce presentate dai candidati non eletti al consiglio comunale che fanno parte degli schieramenti politici del centrosinistra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre il pool di legali di Orlando, composto da Vincenzo Lo Re, Fabrizio Biondo, Fausto Amato, Alberto Polizzi, Enrico Sorgi, Marcello Consiglio, Maurizio Cicero e Marianna Montanino ha presentato un esposto sui presunti brogli. Quest’ultimi hanno attaccato anche le forze dell’ordine ree di non aver vigilato a dovere nei seggi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -