Apofruit, 6 milioni di euro di investimenti a Longiano

Apofruit, 6 milioni di euro di investimenti a Longiano

LONGIANO - Nuovi investimenti per Apofruit a Longiano. La cooperativa leader nell’ortofrutta biologica, ha dato il via alla realizzazione di nuove strutture per un valore complessivo di 6 milioni di euro. Su un terreno di 24mila metri quadrati sorgeranno 24 nuove celle frigorifere per lo stoccaggio di 6.500 tonnellate di prodotto, un capannone di lavorazione di oltre 2mila metri quadri e un maxi impianto fotovoltaico che produrrà 140mila kilowatt all’anno di energia.


All’interno dei nuovi spazi di ritiro, stoccaggio e lavorazione troveranno posto nuovi impianti ad alta tecnologia. Tra gli interventi più significativi figura, inoltre, la realizzazione di un maxi impianto fotovoltaico progettato per produrre 140.000 kilowat/anno di energia che soddisferanno una parte del fabbisogno energetico dell’azienda. La struttura, la cui ultimazione è prevista entro settembre 2008, rafforza l’impegno di Apofruit verso la produzione di energia rinnovabile, nell’ottica del rispetto della natura e della salute ed in linea con la scelta del biologico. L’impianto di Longiano, ad ulteriore dimostrazione di un indirizzo ecologico collaudato, si aggiunge a quello già realizzato sopra lo stabilimento di Pievesestina di cui sarà 6 volte più grande. Un contributo concreto alla qualità del territorio circostante.


Gli investimenti in questione avranno anche una ricaduta positiva sull’occupazione. Gli spazi così ampliati daranno luogo ad un carico di lavorazione più consistente che si tradurrà in un 10% di occupazione in più (attualmente a Longiano sono impiegati 410 degli oltre 2.200 stagionali in forza negli stabilimenti di Apofruit). In questo risultato si ravvisa anche l’effetto virtuoso dell’accordo di flessibilità sottoscritto nel 2007 tra le organizzazioni sindacali e l’azienda.


Gli interventi previsti a Longiano fanno parte di un piano complessivo messo a punto da Apofruit che, entro il 2010, intende mettere a frutto investimenti per 20 milioni di euro. Nel pacchetto c’è l’ampliamento delle strutture di Latina e la ristrutturazione di quelle di Bologna e Scanzano Ionico (in provincia di Matera). Interventi sostenuti anche dal buon andamento del mercato del biologico. Le vendite 2007 dell’ortofrutta biologica di Apofruit, realizzate attraverso la controllata Canova, hanno raggiunto 40,5 milioni di euro di fatturato: il 4% in più rispetto al 2006.


In particolare, hanno segnato un consistente incremento le vendite dei prodotti contrassegnati dal marchio Almaverde Bio: più 34% tra il 2006 e il 2007, per un valore di 14,1 milioni di euro.


«Dopo un biennio di sostanziale stabilità in questo comparto –afferma Renzo Piraccini, direttore generale di Apofruit– la nostra impresa si appresta ad una nuova fase di sviluppo, frutto di una rinnovata attenzione della distribuzione verso il biologico, ma anche di una maggiore capacità propositiva del marchio Almaverde Bio che raccoglie il risultato della sua notorietà ormai collaudata. Poiché intendiamo conquistare altre fette di mercato, siamo alla ricerca di produttori di biologico di specie autunnali e invernali (pere, mele, uva da tavola, susina tardive), che vogliano condividere il nostro progetto».

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -