Arrestata ''imprenditrice del sesso'': gestiva giro di 'squillo'

Arrestata ''imprenditrice del sesso'': gestiva giro di 'squillo'

IMOLA - Aveva messo in piedi da sola un giro di prostituzione capace di generare profitti per svariate migliaia di euro. Pensava a tutto lei, una donna di 63 anni, che curava gli annunci pubblicitari, cercava i monolocali da adibire ad ‘alcova’ e si preoccupava di reclutare giovani donne e generosi clienti. Le ragazze versavano un canone d’affitto alla signora che concedeva loro i locali. I carabinieri hanno posto i sigilli a 4 appartamenti tra Imola, Faenza e Ferrara.


Un business che pare andasse avanti da anni e che veniva seguito nei minimi dettagli dalla 63enne, che rispondeva persino alle chiamate dei clienti a caccia di sesso a pagamento. Non è chiaro il numero di ragazze che siano passate sotto la sua ala protettiva, ma certo è che la 63enne faceva in modo che vi fosse un ricambio costante, per presentare ai clienti ogni volta una novità e un diverso ‘strumento’ (poiché così venivano considerate le ragazze) di piacere e guadagno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’imprenditrice del sesso faceva incontrare domanda ed offerta e incassava una percentuale sulla ‘mediazione’. Si stima che per ogni appartamento ci fossero almeno due ragazze. Ora la signora si trova nel carcere della Dozza con l’accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e lenocinio a mezzo stampa. Nessun provvedimento per le prostitute, in quanto la ‘vendita’ del proprio corpo non è ancora punita come reato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -