Nuovo appello dell'Asaps al premier Renzi: "Serve il reato di omicidio stradale"

Il presidente del consiglio, evidenzia il presidente dell'associazione, Giordano Biserni, "fin dall'inizio ha condiviso la nostra proposta impegnandosi personalmente, affinché risolva questa situazione"

L'Asaps, l'Associazione Sostenitori Amici Polizia Stradale, lancia un nuovo appello al premier Matteo Renzi per l'inserimento del reato di omicidio stradale. Il presidente del consiglio, evidenzia il presidente dell'associazione, Giordano Biserni, "fin dall'inizio ha condiviso la nostra proposta impegnandosi personalmente, affinché risolva questa situazione, ormai da troppo tempo in  stallo, superando le difficoltà che emergono dalle Commissioni parlamentari, in particolare la Commissione Giustizia, dove deputati e senatori, di cui molti  provenienti dalle file degli avvocati ed ex magistrati non dimostrano una particolare tensione verso questa nuova norma".

"Dopo che anche il Ministro dell’Interno Angelino Alfano si è dichiarato favorevole all’Omicidio stradale ci piacerebbe conoscere anche il parere del Ministro della Giustizia Orlando e capire se la proposta ha veramente un futuro o se gli omicidi della strada debbano ancora  rimanere il più grave dei reati di fatto impuniti nella realtà, considerato le pene medie di 2 anni e 8 mesi per chi uccide al volante mentre è in stato di elevata ebbrezza o sotto l’effetto di droghe e magari si dà alla fuga - continua Biserni -. Asaps, le associazioni Lorenzo Guarnieri, Gabriele Borgogni e tante altre associazioni di vittime della strada attendono un segnale di chiarezza col quale ognuno si assuma le proprie responsabilità. E’ l’ora".

Il nuovo appello segue il giudizio della Suprema Corte, che ha annullato con rinvio l’esemplare condanna a 21 anni di reclusione inflitta, sia in primo grado che in appello a Torino, a Ilir Beti  l'imprenditore albanese che imboccò la A26 contromano e la percorse per oltre 20  chilometri. Nell'impatto con il suo Suv morirono quattro ragazzi francesi il 13 agosto 2011. Il caso ritorna ora in appello per essere riesaminato. "La Cassazione insomma ha confermato che con le leggi attuali il dolo eventuale per morti provocati da comportamenti altamente pericolosi e pieni di rischio alla guida (nessuno può riuscire ad immaginare niente di più rischioso che andare pieno di alcol o droga per 20 km con un suv contromano in autostrada) è inapplicabile", chiarisce Biserni.

"Questo sgombra il campo da tutte le discussioni teoriche sul fatto che le leggi esistono già e basta applicarle. Dimostra chiaramente un vuoto legislativo che fa sì che chi uccide sulla strada resti di fatto impunito. Pertanto solo l'introduzione di una fattispecie specifica, come l'omicidio stradale può aiutare i giudici a rendere giustizia. Lo stesso percorso fatto con lo stalking niente di nuovo - prosegue il presidente di Asaps -. Di fronte ad incidenti di estrema gravità si ripete la solita sequenza. I giudici di primo grado e spesso anche quelli dell’appello tentano di infliggere condanne severe con l’applicazione del reato di omicidio con dolo eventuale. Ma quasi mai queste condanne vengono confermate in Cassazione. Per questo come promotori, con le associazioni Lorenzo Guarnieri e Gabriele Borgogni, della proposta, con la raccolta di quasi 80.000 firme, per l’introduzione del reato di Omicidio stradale insistiamo: il Parlamento deve decidersi a decidere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -