Aumentano le imprese in provincia, boom per il comparto ''Costruzioni''

Aumentano le imprese in provincia, boom per il comparto ''Costruzioni''

Continuano a crescere, anche nel terzo trimestre del 2007, le imprese attive nella provincia di Forlì-Cesena. Il comparto Costruzioni è quello con una crescita maggiore (+4,2%), settore che costituisce il 20% del totale delle imprese attive se si esclude il settore agricolo. Seguono le “Attività immobiliari, noleggio, informatica e ricerca” (+3,9%), comparto che interessa ormai il 14,1% delle aziende iscritte al Registro Imprese. Stabile (-0,2%) il settore commerciale.


I dati indicano che nella provincia di Forlì-Cesena le imprese registrate sono complessivamente 45.686, delle quali 41.235 attive; le iscrizioni sono state complessivamente 701 a fronte di 463 cessazioni, determinando un saldo positivo pari a 238 unità.


E’ quanto emerge dall’elaborazione effettuata da Movimprese, la banca dati di Infocamere che fornisce periodicamente alle Camere di Commercio numeri e statistiche relative alle movimentazioni delle aziende a cadenza trimestrale


Tra la fine del terzo trimestre 2006 e la fine del terzo trimestre 2007 le imprese in provincia sono aumentate di +0,7% compreso il settore agricolo (+1,1% con esclusione dell’agricoltura), con un incremento di poco superiore a quello regionale, pari a +0,6% compreso il settore agricolo, e a quello nazionale, anch’esso pari al +0,4% con l’agricoltura.

I tassi di crescita nel trimestre, calcolati sulle imprese registrate, comprese quelle agricole, sono positivi per tutti i livelli territoriali: +0,52% per la provincia, +0,17% per la regione e +0,25% per l’Italia.


Le ”Attività manifatturiere”, settore tra i più rappresentativi, evidenziano un lieve aumento pari a +0,5% (15,7% del totale); sostanziale stabilità invece per il “Commercio” con –0,2% (28,2% del totale).


Al 30/9/2007 le imprese del settore agricolo risultano essere 8.903 (-0,6% rispetto al terzo trimestre 2006); in regione il calo è stato maggiore (-1,1%), ancora di più a livello nazionale (-2,5%).


Riguardo alla forma giuridica si nota il crescente aumento delle società di capitali (+6,2%) che rappresentano ora il 14,9% delle imprese non agricole, crescita analoga a quella nazionale e maggiore di quella regionale (+5%). Permane tuttavia il divario tra l’incidenza di questa forma giuridica a livello provinciale e quella registrata in ambito regionale (19%) e nazionale (17,4%).


Prevalgono nella composizione del tessuto produttivo provinciale, le ditte individuali che rappresentano il 56,9% delle imprese non agricole della provincia, a fronte di un valore pari al 56% per l’Emilia-Romagna e al 60,4% per l’Italia.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -