Aumento dei biglietti dei treni. Federconsumatori contro la Regione: “accanimento tariffario”

Aumento dei biglietti dei treni. Federconsumatori contro la Regione: “accanimento tariffario”

"Dopo le rassicurazioni contrarie di inizio anno, la Regione Emilia-Romagna autorizza un pesante aumento delle tariffe ferroviarie nei confronti degli utenti del trasporto ferroviario regionale. Un aumento secco del 10% che questa volta prende di mira solamente gli utenti non-abbonati. Un "accanimento tariffario" ormai vessatorio nei confronti del 70% degli utilizzatori complessivi dei treni regionali". L'accusa arriva direttamente da Federconsumatori Emilia-Romagna.

 

"Gli aumenti adottati dalla Regione Emilia-Romagna sono insostenibili per dimensioni e motivazioni e riportano la stessa Regione in testa alla graduatoria delle meno convenienti d'Italia . Ancora un pesante aumento tariffario deciso dalla Regione senza verificare il rispetto degli impegni precedenti in carico alle imprese. - puntano il dito dalla Federazione - Le agevolazioni tariffarie promesse a favore dei gruppi familiari con gli aumenti di agosto 2010 sono rimaste semplici esortazioni della delibera regionale. Un nuovo pesante aumento tariffario che ancora una volta non ha tenuto conto della scadente qualità del servizio ferroviario attualmente erogato e affidato alla buona volontà delle stesse imprese: treni vecchi, incompleti, parzialmente chiusi, con guasti alle porte e alla climatizzazione".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per effetto delle nuove tariffe, l'uso del mezzo privato diventa ancora più concorrenziale; per due persone che compiono assieme lo stesso percorso, l'uso dell'auto diventa addirittura conveniente. L'introduzione di STIMER, il biglietto unico che prevede le zone in luogo degli scaglioni/km rischia di vanificare l'obiettivo di conquistare nuove quote di traffico. Con questi aumenti tariffari i costi per l'adozione di questa tecnologia sono completamente riversati sulle spalle dei cittadini-utenti, i nuovi depositari del "rischio d'impresa". La Regione Emilia-Romagna definisce prioritaria la scelta a favore del trasporto ferroviario, ma alla prova dei fatti compie scelte che la contraddicono. La politica tariffaria del trasporto pubblico è ricompresa tra le diverse competenze della Regione Emilia-Romagna: committente del servizio, gestore delle risorse, controllante dell'impresa ferroviaria. Una molteplicità di ruoli sempre più inconciliabile con una gestione autonoma e trasparente delle decisioni, che richiamano all'esigenza di prevedere un'autorità indipendente per il settore, con lo scopo di assicurare la concorrenza, l'adeguatezza dei livelli di qualità ed efficienza e l'equità dei livelli tariffari" .

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -