Bagnacavallo, aperta fino al 28 febbraio la mostra sulla centuriazione

Bagnacavallo, aperta fino al 28 febbraio la mostra sulla centuriazione

BAGNACAVALLO - È visitabile fino a domenica 28 febbraio, presso la sala di Palazzo Vecchio, la mostra La centuriazione nel territorio di Lugo e Bagnacavallo, promossa dal Comune di Bagnacavallo. L'esposizione prende le mosse da uno studio nato per volontà degli architetti Sandra Galegati e Gabriele Montanari, responsabile del Settore Urbanistica del Comune di Bagnacavallo, ed è stato effettuato da Pierluigi Dall'Aglio, del Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna, e da Carlotta Franceschelli del Centre d'Histoire "Espaces et Cultures" dell'Université Blaise Pascal - Clermont Ferrand II, in Francia. La grafica e i disegni sono curati dalla società Etra snc di Lugo. Il progetto è finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio e Banca del Monte di Lugo.

 

La mostra ripropone il materiale dell'esposizione Antiche geometrie paesaggi moderni - organizzata in occasione di un convegno internazionale sulla centuriazione romana (Lugo, settembre 2009), antico sistema di suddivisione del territorio rurale nato per la colonizzazione dei terreni - con significative integrazioni riguardanti in particolare il territorio bagnacavallese. I numerosi pannelli in mostra nella sala di Palazzo Vecchio sono dedicati al sistema di centuriazione derivante dall'impianto romano che caratterizza gran parte della Bassa Romagna e anche alla cosiddetta "centuriazione di Bagnacavallo", nel territorio a nord ovest dell'attuale abitato, a proposito della quale lo studio alla base della mostra suggerisce un'ipotesi di datazione risalente al primo Medioevo.

Va poi ricordato che Bagnacavallo rappresenta un caso particolare nella Bassa Romagna anche per quanto riguarda il proprio impianto morfologico, derivante non da un paesaggio caratterizzato dalla centuriazione ma da elementi naturali come le vie alzaie, nate sugli argini dei fiumi nei loro innumerevoli spostamenti. Il primo nucleo della città, attorno all'attuale Palazzo Vecchio, nacque infatti nel Medioevo nell'ansa di un corso fluviale ora estinto. Di seguito l'abitato di Bagnacavallo si espanse per corone circolari successive, diversamente quindi rispetto alla geometria cardi-decumani che tuttora contraddistingue le città nate nell'area caratterizzata dalla centuriazione romana, tra le quali Lugo, Cotignola, Massa Lombarda e Bagnara.

 

Orari: feriali 9-13 e 15-17; festivi 10-12 e 15-19.

Info (anche per gruppi e scolaresche): 0545 280817; fcristofori@comune.bagnacavallo.ra.it dal lunedì al sabato dalle 8 alle 13.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -