Bagnacavallo, aumentano i servizi di pattugliamento della Polizia Municipale

Bagnacavallo, aumentano i servizi di pattugliamento della Polizia Municipale

Bagnacavallo, aumentano i servizi di pattugliamento della Polizia Municipale

BAGNACAVALLO - Nel 2010 il Corpo Unico di Polizia Municipale di Bagnacavallo, Cotignola e Fusignano ha incrementato ulteriormente il presidio del territorio per garantire una sempre maggior sicurezza ai cittadini. Questo grazie anche all'assunzione di cinque nuovi agenti. In particolare, 2.070 sono state le pattuglie di controllo dei centri storici e servizi di prossimità e 128 i servizi serali-notturni, effettuati cioè dalle 18 in poi, per un totale di 13.140 ore dedicate al controllo del territorio.

 

La media degli operatori addetti ai servizi esterni è stata di 15 unità oltre al comandante Roberto Faccani: 7 a Bagnacavallo, 4 a Cotignola e 4 a Fusignano. Ciò significa che ogni operatore ha mediamente dedicato ai servizi di controllo del territorio oltre agli altri servizi d'istituto, circa 821 ore, pari a più di 136 giorni lavorativi. Sono stati poi 222 i servizi di sicurezza e di vigilanza per le numerose manifestazioni pubbliche. Tali numeri attestano la volontà di proiezione esterna delle attività e di riduzione di quelle interne.

 

È aumentata inoltre la collaborazione con le altre forze dell'ordine, in virtù soprattutto del progetto portato avanti assieme alla Prefettura, alla Questura  e al Comando Provinciale dei Carabinieri e della Finanza, che prevede una programmazione settimanale di "controllo interforze", per evitare sovrapposizioni nei controlli delle diverse forze dell'ordine e utilizzare al meglio le risorse complessivamente disponibili sul territorio.

 

Elevato, pari cioè a 11.000, è stato anche il numero delle pratiche amministrative che i due operatori normalmente addetti ai servizi interni, hanno svolto nel corso dell'anno, nell'ambito delle funzioni che ai Comuni sono riservate in materia di pubblica sicurezza e per la gestione di tutte le mansioni affidate alla polizia locale. Sono stati poi 92 i controlli di cantieri edili, 32 quelli ambientali e 390 quelli commerciali.

 

Per quanto riguarda la sicurezza stradale, 84 sono state le pattuglie impegnate nei 55 incidenti rilevati. I posti fissi di controllo stradale sono stati 1.056, 7.195 i veicoli controllati, 4.791 le violazioni accertate al Codice della Strada, 3.459 i punti decurtati, 55 le patenti e le carte di circolazione ritirate, 72 i veicoli sequestrati, fermati o rimossi, 130 i controlli effettuati con l'etilometro.

 

Queste le più frequenti violazioni riscontrate al Codice della Strada: 814 violazioni di norme a tutela dell'utenza debole (invalidi, pedoni, marciapiedi, passaggi pedonali, semaforo); 206 soste in prossimità incroci; 50 sosta in ZTL; 816 superamento dei limiti di velocità; 115 mancato uso delle cinture di sicurezza; 42 uso irregolare del telefonino; 33 mancata copertura assicurativa.

 

Tra gli altri servizi effettuati dalla Polizia Municipale di Bagnacavallo, Cotignola e Fusignano, vanno segnalati i 2.800 servizi dedicati al controllo del traffico negli orari di entrata e di uscita degli studenti e vigilanza degli istituti scolastici e le 150 ore di educazione stradale per gli studenti, nell'ambito del progetto "Percorsi sicuri casa e scuola". Da sottolineare l'ulteriore consolidamento della rete di videosorveglianza, progetto teso alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni pregiudizievoli per la sicurezza del territorio.

 

Uno dei progetti più rilevanti dell'anno in corso è l'attuazione dell'Accordo di programma con la Regione che prevede, fra gli obiettivi principali, la realizzazione di una nuova sede del Comando, più adeguata alle esigenze gestionali del Corpo Unico, mentre, proprio in questi giorni, è stato aperto il nuovo ufficio per le relazioni con il pubblico nella sede di Palazzo Vecchio, a Bagnacavallo.

 

«Il tema della sicurezza rappresenta una priorità per le nostre amministrazioni comunali - sottolineano i sindaci di Bagnacavallo, Laura Rossi, Cotignola, Antonio Pezzi e Fusignano, Mirco Bagnari. - Il diritto alla sicurezza è uno dei fondamentali principi di cittadinanza ed è condizione preliminare per garantire convivenza civile, qualità della vita di una comunità e sviluppo del territorio. Come i dati indicano, abbiamo indirizzato le nostre azioni verso un impiego più accentuato e mirato della Polizia Municipale a presidio del territorio e una sempre più intensa cooperazione con le forze dell'ordine, nel rispetto delle diverse competenze previste dalle normative vigenti. In questo contesto - proseguono i sindaci - il ruolo della Polizia Municipale è, in primo luogo, quello di contribuire alla tutela della sicurezza urbana, assicurando alla cittadinanza che la vita di relazione avvenga nel rispetto delle regole e senza turbative, mentre alle forze dell'ordine dello stato spettano le attività di contrasto alle varie forme di reato e di criminalità".

 

" Per questo, anche nel 2011, continueremo ad agire su più fronti: dalla realizzazione di interventi di cura e manutenzione allo sviluppo di politiche coordinate di presidio e controllo del territorio, proseguendo la positiva collaborazione con le forze dell'ordine. Proseguiranno, poi, i progetti riguardanti i servizi di prossimità, i percorsi sicuri casa e scuola, la gestione e il consolidamento della video-sorveglianza, anche mediante l'istituzione delle colonnine S.O.S. le iniziative di sensibilizzazione rivolte in particolare agli anziani sui temi delle truffe e dei furti a domicilio, le azioni di contrasto alla guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze psicotrope, il controllo dei mezzi pesanti, il pronto intervento integrato con le forze dello stato e il rispetto delle norme in materia di sicurezza sul lavoro", evidenziano i sindaci.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Infine il 2011 sarà l'anno della costituzione del Corpo Unico di Polizia Municipale della Bassa Romagna che prevede la realizzazione di un Corpo "a reti di sedi" con una sede centrale e sei presidi territoriali. L'accentramento, nella sede di Lugo, delle attività d'ufficio e burocratiche consentirà di evitare duplicazioni di ruolo e di abbattere i costi delle funzioni amministrative, liberando preziose risorse da impiegare in azioni di concreta e visibile presenza nel territorio. Con il Corpo Unico - concludono i sindaci - sarà possibile realizzare due importanti obiettivi: garantire pattugliamenti stradali anche notturni e costituire una centrale operativa in grado di ricevere segnalazioni dalle altre forze dell'ordine e da strutture competenti in materia di sicurezza, nonché dai cittadini per 16 ore al giorno in tutto il territorio della Bassa Romagna".  In tale contesto dal 1° marzo partirà il primo progetto unificato: l'Ufficio Sanzioni dell'Unione dei Comuni.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -