Bagnacavallo, con i Modena City Ramblers si è chiusa la prima edizione della Festa della Politica

Bagnacavallo, con i Modena City Ramblers si è chiusa la prima edizione della Festa della Politica

Bagnacavallo, con i Modena City Ramblers si è chiusa la prima edizione della Festa della Politica

BAGNACAVALLO - Sulle note di un'appassionata versione di Bella Ciao intonata dai Modena City Ramblers assieme a Germano Nicolini e Vittorio Bonetti, si è chiusa la prima edizione della Festa della Politica con un bilancio decisamente positivo in termini di ospiti, di volontari e di pubblico presenti.  Da giovedì a domenica sono giunti a Bagnacavallo nomi importati come Massimo D'Alema, Italo Bocchino, Luca Sofri, Ritanna Armeni, Ivano Marescotti e Luca Bottura.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Presenti anche Mimmo Calopresti, Simone Cristicchi e molti altri che hanno attirato, al'ex convento di San Francesco, un vasto pubblico locale e da tutta Italia, e a cui si sono aggiunti gli spettatori on line, che hanno seguito gli incontri della Festa in diretta streaming su vari siti internet.
 
"Gli aspetti positivi di questa Festa sono molti - spiega il direttore artistico Claudio Caprara -, anche se abbiamo fatto alcuni errori, come ad esempio la mostra MeMo che forse andava più pubblicizzata perchè meritava più attenzione. Ma i dibattiti sono stati tutti partecipati, il pubblico arrivava qui perché era interessato agli incontri, e tutti gli oratori sono stati affascinati dalla suggestione della location, dalla bella accoglienza e vogliono tornare a Bagnacavallo. È stato un esperimento riuscito, che mi auguro diventerà un appuntamento fisso delle feste nazionali del PD ".
 
Bagnacavallo ha vinto una sfida importante, riuscendo a fondere la più consolidata tradizione che negli anni ha fatto grandi le Feste dell'Unità alle numerose novità che questa formula ha introdotto. Il successo di questa 4 giorni all'insegna di dibattiti, di ospiti, ma anche della tradizionale cucina romagnola è stato possibile grazie, come sempre, all'impegno degli oltre 400 volontari che hanno curato ogni dettaglio della Festa.
 
"La Festa della Politica è stata un'iniziativa piena di giovani sia tra il pubblico che tra i volontari - commenta il responsabile dell'organizzazione Alfeo Zanelli -, è stata un'edizione zero ben riuscita, dove Bagnacavallo ha dimostrato di essere un contenitore adatto a ospitare tanto pubblico e tanti ospiti. Abbiamo anche capito dove e come dobbiamo lavorare per far sì che l'anno prossimo riesca tutto meglio. E cominceremo  a farlo già da domani".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -