Bagnacavallo, "cooperiamo a scuola": oltre 100 studenti coinvolti

Bagnacavallo, "cooperiamo a scuola": oltre 100 studenti coinvolti

RAVENNA - Si è concluso questa mattina nella cornice del Teatro Goldoni di Bagnacavallo, con la premiazione degli studenti vincitori, il progetto promosso dalle tre centrali cooperative provinciali dal titolo «Cooperiamo a scuola». Il percorso, realizzato con il sostegno della Camera di Commercio di Ravenna, ha coinvolto 12 classi degli Istituti superiori di Ravenna, Faenza, Cervia e Lugo per un totale di oltre 100 studenti che hanno lavorato a stretto contatto con le operatrici e gli operatori di Irecoop, ente formativo di Confcooperative, e delle cooperative Libra e RicercAzione.

 

Il progetto, partito nel mese di gennaio, prevedeva l'ideazione e la costituzione di una cooperativa, originale e fattibile, attraverso un lavoro di gruppo che stimolasse la partecipazione e il confronto tra gli studenti. «La cosa più difficile, ma anche più avvincente, di questo percorso sono proprio le relazioni tra studenti - sottolinea Claudia Gatta, presidente della cooperativa RicercAzione -. Costituire una cooperativa significa confrontarsi, decidere insieme e collaborare e questi principi, che fanno parte del modello cooperativo, sono anche un elemento di crescita importante per i ragazzi».

 

Quest'anno la cooperativa «promossa» a pieni voti si chiama «Melting Pot» ed è stata ideata dalla IV C Erica dell'I.T.C. Oriani di Faenza (Silvia Misirocchi, Francesca Bresciani, Martina Gamberini, Giorgia Morini, Barbara Ercolani, Ambra Mogaddino e Melissa Montalti). La proposta è quella di una cooperativa turistica che promuova il territorio attraverso l'organizzazione di soggiorni, vacanze lavoro, vacanze studio con particolare attenzione alla formazione e al coinvolgimento delle «nonne alla pari» nel funzionamento della cooperativa. La classe si è aggiudicata un premio di 600 euro mentre altri 200 euro sono stai destinati alla scuola. «L'idea di queste ragazze - commenta Laura Filippi della cooperativa Libra - risponde pienamente ai criteri di completezza, fattibilità e originalità che cercavamo. E' stato fatto un ottimo lavoro e siamo tutti molto soddisfatti di questo progetto e, più in generale, dell'interesse che i ragazzi hanno dimostrato durante il percorso».

 

Il secondo premio (350 euro ai ragazzi e 200 alla scuola) è andato invece alla cooperativa «Fai da me» della IV Aim dell'I.P.S. Bucci di Faenza mentre sul terzo gradino del podio sono saliti i ragazzi della V Turistico dell'I.P.C. Stoppa di Lugo con la cooperativa «Yogurt land» (250 euro ai ragazzi e 200 alla scuola). Si è aggiudicata il «premio speciale della giuria» la classe IV C Turistico dell'I.P.C. Olivetti di Ravenna con la cooperativa «Save the environment».

 

«Creare un'impresa cooperativa - sottolinea Raffaele Gordini, presidente di Confcooperative Ravenna - significa lavorare insieme per un obiettivo comune e significa, soprattutto, operare a favore del futuro del territorio in cui si vive».

«A questa età - spiega Valeriano Solaroli, direttore di Legacoop Ravenna e coordinatore provinciale dell'Alleanza delle Cooperative Italiane - lavorare insieme in progetti come questo è molto importante perché aiuta ad aumentare la propria consapevolezza, ad avere rispetto del prossimo e a chiarire i proprio obiettivi».

 

Nel corso della mattinata gli studenti hanno assistito anche alla presentazione degli altri progetti presentati e ad un concerto del gruppo hip hop ravennate «Il lato oscuro della costa».

Presenti alla premiazione oltre a Raffaele Gordini, presidente provinciale Confcooperative e Valeriano Solaroli, direttore Legacoop Ravenna, anche Gianfranco Bessi, presidente della Camera di Commercio di Ravenna e Giuseppina Dessy, assessore alle Politiche formative del Comune di Bagnacavallo.

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -