BAGNACAVALLO - Il film ''L'amore che fugge'' chiude la rassegna ''Nuovo Cinema Bagnacavallo''

BAGNACAVALLO - Il film ''L'amore che fugge'' chiude la rassegna ''Nuovo Cinema Bagnacavallo''

BAGNACAVALLO - Si conclude domani, alle 21, con la proiezione del film L’amore che fugge di Maria Martinelli (Ita 2006, 90’), la prima edizione della rassegna “Nuovo Cinema Bagnacavallo” nel convento di San Francesco.


Costruito in un anno di lavoro, in un’agenzia matrimoniale e nel quotidiano dei protagonisti, la docufiction L’amore che fugge racconta un mondo fatto di single che, con mille contraddizioni, cercano una strada per il loro vivere sentimentale. Racconta dei sentimenti, dell’amore, della passione e della difficoltà sempre più profonda di riconoscere queste emozioni. Oscillando fra momenti di inevitabile sconforto e grande energia, racconta che la vita sentimentale è anche un gioco e che l’amore è un rito in cui inventare sempre nuove regole.

Questa originale incursione nel mondo delle agenzie per cuori solitari non è passata inosservata e ha vinto il premio Vela d’Argento al Bellaria Film Festival. Da novembre 2006 è stata in programmazione su Foxlife.


La regista ravennate Maria Martinelli inizia il suo percorso artistico come videomaker nel 1983, realizzando cortometraggi e documentari presentati e spesso premiati in alcuni dei più importanti festival specializzati tra cui, Oberhausen, Lisbona, Tokio, Venezia, Montpellier, Torino, Bellaria. Tra i suoi lavori: Vento Divino, Ammutinamenti da Sbarco, Lachrimae e uno special per Tele+ dedicato a Leonardo Pieraccioni. Nel 2000, in coproduzione sempre con Tele+, realizza il documentario Gladiatori, reportage sul cinema hard italiano, presentato alla XVIII edizione di Torino Film Festival e successivamente al FilmFestival di Philadelphia e nell’iniziativa europea “Docs in Europe”. Nel 2001 con Amorestremo dirige il suo primo lungometraggio. Nel 2002 realizza, per la casa di produzione OffSide, Carne da macello e conduce la regia delle fiction del format “Donne” in onda su Rai2. Nel 2004 lavora come aiuto regia nel film Provincia Meccanica di Stefano Mordini.


Prosegue fino a domani, nella sala delle proiezioni, anche la mostra dal titolo Frame_riprogrammati_07, di Ègo-Tek. Si tratta di immagini televisive “riprogrammate” e contaminate con altre immagini, e in tal modo, spiega l’artista, «liberate e ricontestualizzate alla luce delle azioni di disturbo creativo esercitate su di esse».

La mostra è realizzata in collaborazione con Vanessa Sorrentino dell’associazione Artincanti e con il Cinecircolo Fuoriquadro.


La rassegna “Nuovo Cinema Bagnacavallo” è organizzata dal Cinecircolo Fuoriquadro. Oltre al contributo del Comune di Bagnacavallo, sono da segnalare le collaborazioni con il premio giornalistico-televisivo Ilaria Alpi di Riccione, l’associazione “Amici del Mozambico”, il Comitato Burkina Faso di Bagnacavallo e Amnesty International-Gruppo Italia 157 di Lugo.

Ingresso alla proiezione 3,50 euro, con obbligo della tessera annuale del Cinecircolo Fuoriquadro (1 euro). Il convento di San Francesco è in via Cadorna 14.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per informazioni: 347 1819575 - fuoriquadro@libero.it.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -