Bagnacavallo: il Settecento napoletano ai "Concerti di San Girolamo"

Bagnacavallo: il Settecento napoletano ai "Concerti di San Girolamo"

BAGNACAVALLO - Domenica 25 aprile alle 17 è in programma il secondo appuntamento con i "Concerti di San Girolamo", programma di musica antica suonata con strumenti originali nella chiesa di San Girolamo a Bagnacavallo. La manifestazione è organizzata da Accademia Bizantina, con il patrocinio del Comune e in collaborazione con i volontari di San Girolamo.

 

Nel secondo concerto del calendario saranno protagonisti la voce del soprano Roberta Mameli, il violoncello di Marco Frezzato e il clavicembalo di Francesco Baroni per un'esibizione dedicata al "Settecento napoletano" che vedrà i tre musicisti cimentarsi con sonate e cantate di Salvatore Lanzetti, Domenico Scarlatti e Nicola Porpora, che furono nella Napoli del Settecento non solo compositori ma anche strumentisti e insegnanti.

 

La prima cantata in programma, Ninfe belle di Scarlatti, è nel tipico genere pastorale, che tanta fortuna ebbe soprattutto nella Roma del primo Settecento; mentre la seconda, Se sai qual sia la pena, ha un taglio più oscuro e drammatico. Le sonate, usate come introduzioni ai rispettivi affetti, fanno parte della monumentale raccolta di Scarlatti, che occupa un posto rilevante nell'evoluzione della tecnica e della composizione per strumenti a tastiera.

 

Salvatore Lanzetti fu invece un grande virtuoso di violoncello e un buon compositore; le due sonate proposte presentano interessanti spunti virtuosistici, godibili melodie e un gusto tutto napoletano per la teatralità.

 

Nicola Antonio Porpora fu uno dei più significativi esponenti della scuola napoletana, e un grande compositore a livello internazionale. Famoso soprattutto come operista (scrisse più di trenta titoli), si distinse ugualmente negli altri generi vocali, come gli oratori e le cantate, come Or sì m'avveggio, Oh amore che sarà eseguita nell'occasione.

 

Gli appuntamenti successivi saranno il 2, il 9 e il 16 maggio, con inizio sempre alle 17.

I concerti sono un modo per valorizzare la quattrocentesca chiesa di San Girolamo e il prezioso lavoro dei suoi volontari, Pietro Melandri, Giovanni Melandri, Battista Mezzogori, Giuseppe Mazzari, Secondo Albertini, Romano Bassetti, Franco Cortesi e Corrado Randi. In occasione dei concerti sarà possibile sottoscrivere un'offerta per il restauro degli organi di Bagnacavallo, con particolare attenzione al pregevole organo settecentesco della chiesa di San Girolamo, così che nel tempo questo luogo possa diventare un importante punto di riferimento nel mondo della musica antica, sia attraverso le stagioni concertistiche, sia come ottima sala di registrazione.

 

La chiesa di San Girolamo è in via Garzoni, a Bagnacavallo.

L'ingresso è a offerta libera.

Info: tel. 0544 271071, e-mail: info@accademiabizantina.it, www.accademiabizantina.it.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -