Bagnacavallo, il sindaco Rossi avverte: "Saremo costretti a tagliare servizi"

Bagnacavallo, il sindaco Rossi avverte: "Saremo costretti a tagliare servizi"

Bagnacavallo, il sindaco Rossi avverte: "Saremo costretti a tagliare servizi"

BAGNACAVALLO - A poco più di un anno dalla sua rielezioni, il sindaco di Bagnacavallo Laura Rossi parla di un avvio di legislatura segnato da una crisi economica "che sta incidendo in maniera significativa anche nella comunità locale, ma ancora di più pesano i tagli, i vincoli che ancora una volta condizionano le nostre scelte, che provengono dalle diverse Finanziarie e dall'ultima manovra economica che il Governo ha varato in queste settimane. Una manovra che produrrà effetti fortemente negativi e la necessità di rivedere la quantità e la qualità dei servizi erogati ai cittadini, compresi quelli sociali, sanitari, scolastici, e di ridimensionare in modo consistente le attività culturali e di prevenzione e sicurezza".

 

"Ma come sempre - rassicura - noi non abdicheremo alle nostre responsabilità né abbiamo intenzione di abbassare la guardia". In questo primo anno di legislatura, ricorda Laura Rossi, le priorità sono state indirizzate ad azioni di salvaguardia delle famiglie e dei ceti sociali deboli mantenendo il livello quantitativo e qualitativo dei servizi sociali e scolastici, sostenendo il tessuto economico, favorendo lo sviluppo sostenibile del territorio, innovando la pubblica amministrazione, razionalizzando e riducendo le spese di funzionamento della macchina comunale.

 

«Un processo quest'ultimo - sottolinea il sindaco - nel quale si è accelerato, proprio nel 2010, grazie alla gestione di servizi e funzioni tramite l'Unione dei Comuni della Bassa Romagna. Mi riferisco in particolare all'avvio del Piano Strategico che ha definito i servizi e le funzioni dell'Unione per rispondere bene e rapidamente ai bisogni dei cittadini anche attraverso il rafforzamento degli Sportelli Sociali, e l'avvio dello Sportello Unico per le attività produttive. In coerenza con il documento programmatico di legislatura e il primo bilancio 2010-2012 abbiamo concentrato gli interventi e le azioni su tre priorità che corrispondono ai tre patti che abbiamo indicato: il patto per la difesa della solidarietà sociale: una comunità coesa e sicura; il patto per l'ambiente, la pianificazione territoriale; il patto per la democrazia e la partecipazione.»

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -