Bagnacavallo, la città è dei bambini

Bagnacavallo, la città è dei bambini

BAGNACAVALLO - È in programma domani, giovedì 27 maggio, la prima delle due giornate di "Bagnacavallo città dei bambini", iniziativa nel corso della quale piazza della Libertà accoglierà un migliaio di bambini, dai 2 agli 11 anni, delle scuole del comune. Inizieranno domani gli alunni dei nidi e della scuola dell'infanzia, mentre venerdì 28 maggio sarà la volta degli studenti della scuola elementare. L'iniziativa, giunta alla XIII edizione, coinvolge in primo luogo Comune, Istituto Comprensivo e servizi per l'infanzia comunali e privati, ma è resa possibile grazie al prezioso contributo di oltre centocinquanta volontari (cittadini e genitori) impegnati nella preparazione degli allestimenti scenografici e nella realizzazione delle attività di animazione. Sono coinvolte, inoltre, le Scuole Comunali d'Arte e Musica e l'associazione "All'Abbondanza".

 

Con l'edizione 2010, dedicata all'aria e al cielo, "Bagnacavallo città dei bambini" inizia un percorso triennale dedicato al tema della natura, con l'obiettivo di spingere i bambini e i loro familiari a stare all'aria aperta, per liberare fantasia e creatività e allo stesso tempo imparare insieme a conoscere la natura e a rispettarla.

Nelle mattine del 27 e 28 maggio i bambini delle scuole troveranno in piazza della Libertà animazioni sul tema del cielo e dell'aria, narrazioni e attività manuali per le quali utilizzeranno materiali di riciclo impreziositi da elementi naturali come conchiglie, sassolini, cortecce. Si comincerà alle 8.30 del mattino per terminare verso le 12 con il canto corale dell'inno della festa e il lancio di palloncini. Ogni classe, dal nido alle elementari, porterà in piazza un elemento che richiama il tema dell'aria, scelto in precedenza, che legherà la festa ai percorsi scolastici fatti durante l'anno.

Nel cortile di Palazzo Vecchio e al Teatro Goldoni sono previste narrazioni che si svolgeranno a ciclo continuato nel corso della mattina. Giovedì 27 maggio, a Palazzo Vecchio Alfonso Cuccurullo impersonerà il mimo Orazio con le sue "Storie per aria", mentre Daniele Scarazzati in teatro intratterrà i bambini con la narrazione "Nella foresta dei Minipin". L'angolo della narrazione proseguirà venerdì 28 maggio con l'associazione "Doremi" che a Palazzo Vecchio proporrà ai bambini una favola musicale, mentre Elisabetta Randi in teatro curerà la narrazione "Il volo".

Nella manifestazione si inserisce anche la mostra "Un bambino, un artista, una porta", allestita dal 27 maggio al 6 giugno nella chiesa del Suffragio di via Trento Trieste (orari: feriali 16-19, festivi 10-12 e 16-19). La mostra documenta una parte di un progetto curato dalla Scuola comunale d'arte "Ramenghi" che ha coinvolto le classi del secondo ciclo della scuola elementare di Bagnacavallo e diversi artisti del territorio in un intervento di recupero e decorazione delle porte delle aule della scuola elementare. Saranno infatti esposte sia le opere degli artisti che sono state fonte di ispirazione per i bambini sia i progetti elaborati dai bambini stessi.

 

"Bagnacavallo città dei bambini" è realizzata con il contributo di Hera, Calzaturificio Emanuela e Spi-Cgil Bagnacavallo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -