Bagnacavallo: le politiche sociali nel bilancio di previsione

Bagnacavallo: le politiche sociali nel bilancio di previsione

BAGNACAVALLO - Nel bilancio di previsione 2010 che verrà sottoposto all'approvazione del Consiglio comunale nella seduta di domani, giovedì 28 gennaio, grande è l'attenzione riservata al capitolo delle "politiche sociali e sanitarie per il benessere e la salute della comunità". Lo sottolinea l'assessore Angela Rossetti, la quale ricorda come la spesa per i settori delle politiche sociali e dell'istruzione pubblica assorba circa il 35% del totale della spesa corrente del bilancio: 979.710 euro per l'asilo nido (9,17%); oltre un milione e 600mila euro per l'istruzione, suddivisa nei vari livelli (scuola dell'infanzia, primaria e secondaria), comprendente anche trasporto scolastico, refezione, centri estivi ecc. (15,19%); 914mila euro per i servizi socio-assistenziali (8,56%).

 

Scendendo nel dettaglio, sono numerosi i progetti in tema di politiche sociali e sanitarie che il bilancio prevede.

 

Per quanto riguarda la popolazione anziana e non autosufficiente, ricordiamo lo Sportello sociale, la consegna di pasti a domicilio e il trasporto sociale gestiti in collaborazione con cooperative sociali, il telesoccorso. Ci sono poi l'assistenza domiciliare e le dimissioni protette (con integrazione a domicilio di personale infermieristico e medico), da quest'anno in capo all'Unione dei Comuni della Bassa Romagna.

In tema di sostegno alle famiglie, si provvederà all'integrazione delle rette dei servizi sociali e scolastici per i nuclei familiari in condizioni di bisogno e a diverse forme di sostegno del diritto allo studio. Sono state inoltre varate misure anticrisi che si concretizzano in: rimborso Irpef per l'anno 2008 alle famiglie residenti con un'attestazione Isee non superiore ai 12mila euro; erogazione economica a sostegno del reddito per famiglie con quattro e più figli; riduzione delle rette dei servizi a domanda individuale per famiglie con introiti ridotti a causa di cassa integrazione o decurtazione dello stipendio. Misure che vanno ad aggiungersi a quelle della Regione per il sostegno all'accesso alle prestazioni sanitarie.

 

Passando alla sanità, si prevede in particolare, nell'ambito del Piano strategico locale (Pal) dell'Ausl, la riqualificazione dell'ex presidio ospedaliero di Bagnacavallo, all'interno del quale per l'anno in corso è attesa l'attivazione di un nucleo di cure primarie «che rappresenterà - spiega l'assessore - un punto molto avanzato per la cura alla persona in tema di patologie croniche e offrirà una più ampia disponibilità di fasce orarie per l'utenza».

 

«Nonostante la decurtazione di circa 60.000 euro di fondi statali destinati alle politiche sociali del nostro Comune - conclude Angela Rossetti - il bilancio 2010 punta a sostenere le famiglie e l'economia. E lo fa anche non prevedendo aumenti delle tariffe comunali per le fasce di reddito medio-basse, se non entro i limiti dell'inflazione, cioè al di sotto dell'1,8% per quanto riguarda la retta dell'asilo nido, i pasti per le scuole e gli anziani e per tutti gli altri servizi alle persona di competenza comunale. In questo bilancio è racchiusa tutta la nostra filosofia di governo: servizi per tutti, partecipati in misura proporzionale alle proprie possibilità e inoltre, in un momento di crisi come questo, agevolazioni per i nostri cittadini perché oggi più che mai c'è bisogno di sostenere le famiglie.»

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -