Bagnacavallo, notte dei musei alle Cappuccine

Bagnacavallo, notte dei musei alle Cappuccine

BAGANACAVALLO - Anche quest'anno il Museo Civico delle Cappuccine aderisce a "La notte dei musei", originale iniziativa patrocinata da Icom (International Council of Museums), Consiglio d'Europa e Unesco. Nella serata fra sabato 14 e domenica 15 maggio il museo bagnacavallese offrirà al pubblico un'apertura straordinaria, dedicata - come da indicazioni europee - al rapporto tra i musei e la propria memoria, proprio nell'anno in cui è stata interamente riallestita la Pinacoteca antica, parte essenziale del percorso museale. La notte sarà divisa in due parti: all'inizio della serata sono in programma la presentazione di un libro e una visita guidata al Museo, mentre dopo le 23.30 sarà organizzata una "veglia di scrittura creativa".

 

 

Alle 21 nella Sala didattica al pianterreno verrà presentato, in anteprima assoluta, il volume Le Orfanelle. Storie dal Conservatorio delle Fanciulle Pericolanti, appena pubblicato dalla casa editrice bolognese Epika Edizioni. Il progetto narrativo trae origine, per un'idea di Andrea Bruni, da un inquietante dipinto custodito proprio nella Sala didattica del Museo che rappresenta un momento ricreativo di giovani ragazze in ambito conventuale. L'opera, risalente alla fine del secolo XIX, risulta di autore ignoto, ma apparve, proprio per la sua originalità, sulla copertina di un volume dell'Ibacn dedicato ai patrimoni delle Opere Pie nella regione Emilia-Romagna.

D'altronde è nota la grande quantità di istituti religiosi e di assistenza ai minori sul territorio bagnacavallese: in particolare, nell'Ottocento, la missione delle Opere Pie Pozzi Rotondi, con origini seicentesche, ospitava ragazze fra i 7 e i 20 anni per apprendere i lavori domestici e di tessitura. A questa vicenda, e all'immagine del dipinto, si sono ispirati i racconti fantastici di 13 scrittori italiani e stranieri che hanno accolto l'invito della casa editrice bolognese, raccolti oggi in un volume di oltre 200 pagine.

 

Dopo la presentazione del libro e il brindisi augurale seguirà una breve visita guidata alle collezioni del Museo Civico, poi intorno alle 23.30 si concluderà la prima parte della serata. Potranno restare per tutta la notte all'interno del Museo gli autori disponibili a una "veglia di scrittura creativa" ispirata ai segni e alle presenze che ancora aleggiano sul convento delle Reverende Madri Cappuccine, attraverso le opere d'arte esposte o nelle leggende tramandate dalla memoria locale. L'idea è quella di realizzare nella notte un racconto a più mani dedicato proprio alla memoria immaginaria del convento, che trae il nome dalle monache che lo fondarono all'inizio dell'Ottocento.

Per partecipare gratuitamente alla notte di scrittura serve solo portare con sé penne e pc e un materassino per chi volesse riposarsi.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli interessati possono iscriversi presso il Centro culturale "Le Cappuccine" (email centroculturale@bagnacavallo.ra.it) oppure telefonando alla segreteria del Museo Civico (0545 280913) o alla Biblioteca comunale (0545 280912).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -