Bagnacavallo, nuove installazioni al Podere Pantaleone

Bagnacavallo, nuove installazioni al Podere Pantaleone

BAGNACAVALLO - È in programma domenica 26 settembre, alle 10.30, l'iniziativa "Podere Pantaleone. Percorsi di natura", che prevede l'inaugurazione dei nuovi allestimenti dell'Area di Riequilibrio Ecologico di Bagnacavallo. Interverranno il sindaco di Bagnacavallo Laura Rossi, il consigliere regionale Mario Mazzotti e l'assessore provinciale ai Parchi Eugenio Fusignani.

 

Seguiranno una visita guidata ai nuovi allestimenti e un rinfresco a base di prodotti biologici dedicato alla biodiversità alimentare del territorio di Bagnacavallo, offerto da Edilscavi Bertinorese.

Le opere che verranno inaugurate il 26 settembre sono state realizzate anche grazie ai fondi della Regione erogati tramite la Provincia. Inoltre è già stato finanziato dalla Provincia e dalla Regione il progetto Rivivrò, che prevede nuovi interventi di riqualificazione dell'oasi e progetti di educazione ambientale.

 

Questi i nuovi allestimenti che verranno inaugurati: cassette-nido per insetti, uccelli e pipistrelli; gioco dei fiori parlanti; pannelli didattici; pompa eolica; sistemazione dello stagno delle libellule, nuovi cartellini degli alberi dedicati ai bambini, sistemazione cancelli alle due entrate; barriera-osservatorio nello stagno dei tritoni.

 

Le diverse cassette-nido presenti, che comprendono sia nidi sia rifugi per animali, hanno la funzione di offrire un luogo in cui riprodursi e in cui ripararsi a uccelli, pipistrelli e a varie tipologie di invertebrati, soprattutto insetti. Allo stesso tempo hanno una funzione didattica e vogliono avvicinare alla scoperta della grande diversità biologica presente, non solo nell'oasi. Varie cassette-nido per uccelli come cinciallegra, cinciarella, upupa e rapaci notturni come assiolo, civetta, allocco, e per pipistrelli forestali sono state installate su alti alberi accanto alla fontana, nel viottolo principale e lungo altri sentieri. Per salvaguardare gli alberi, i nidi per uccelli e pipistrelli sono stati appesi con chiodi di alluminio.

 

Il gioco dei fiori parlanti è costituito da due diffusori in acciaio a forma di fiore che sono mimetizzati dentro due vecchi tronchi d'albero, posti a una distanza fra loro di 22 metri e collegati con un tubo sotterraneo, dove i bambini potranno mettere alla prova la loro capacità linguistica.

Gli argomenti dei dieci nuovi pannelli didattici delle dimensioni di 125x75 cm installati in diversi punti emblematici dell'oasi sono: Un po' di storia, Bosco e legno morto, Cassette nido, Interfilari, La fauna del bosco, La piantata, Le tartarughe terrestri, Lo stagno delle libellule, Lo stagno dei tritoni, La vita dei rifiuti.

 

Una pompa azionata da una pala eolica in grado di attingere acqua dal pozzo artesiano è stata installata presso il vasto stagno delle libellule. La pompa eolica si è resa necessaria perché lo stagno è collocato in una zona situata a un livello più alto rispetto alla campagna circostante. Lo stagno è stato scavato nel 2005 e risagomato nel 2010 per meglio diversificarlo. Sulle sue rive crescono rigogliose piante come le tife e la mestolaccia e in acqua la brasca comune. Lo stagno ospita poi molti anfibi e durante la bella stagione sono numerose le libellule che si librano sullo specchio d'acqua a caccia di insetti come le zanzare. Attorno allo stagno si riproduce sulle foglie del romice la licena delle paludi, bella farfalla color arancio vivo.

 

I cartellini degli alberi dedicati ai bambini nati a Bagnacavallo sono stati sostituiti con altri più robusti e duraturi. Dal 1992 al 1999 sono stati oltre 700 gli alberi e arbusti presenti nell'oasi dedicati ai nuovi nati. Diversi bambini e ragazzi vengono ogni anno a controllare il loro albero.

Ai cancelli posti alle due entrate dell'oasi sono stati installati dei sistemi anti scavalcamento.

Nello stagno dei tritoni è stata sostituita la vecchia barriera-osservatorio con una in fasci di cannuccia palustre, lunga circa 12 e alta 1,9 metri e nove fessure per osservare lo stagno. Al fine di garantire una maggiore durata alla struttura, le canne provengono dalle vicine zone salmastre.

 

In caso di maltempo l'iniziativa si terrà nella sala didattica del Museo Civico delle Cappuccine, in via Vittorio Veneto 1/a.

Il Podere Pantaleone è nel vicolo omonimo, laterale di via Stradello. Resta aperto la domenica fino al 17 ottobre compreso, dalle 14.30 alle 18.30. Inoltre l'oasi è visitabile tutto l'anno previa prenotazione per visite guidate contattando l'Ufficio Informazioni Turistiche del Comune allo 0545 280898 oppure il 347 4585280.

Informazioni: 0545 280898; 347 4585280.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -