Bagnacavallo: seconda fase del progetto "Fegato grasso"

Bagnacavallo: seconda fase del progetto "Fegato grasso"

Si terrà giovedì 8 aprile, nella sala didattica del Museo delle Cappuccine, alle 20.30, il primo degli incontri della seconda fase del "Progetto Bagnacavallo - Steatosi e Steatoepatite non alcolica", promosso dal Comune di Bagnacavallo e dall'Ausl di Ravenna per monitorare le problematiche sanitarie connesse al "fegato grasso" con lo scopo di attuare concretamente iniziative di medicina preventiva. Gli incontri, dedicati in particolare alle problematiche metaboliche con l'obiettivo di ottimizzare il comportamento alimentare e promuovere l'attività fisica quali strumenti privilegiati rispetto ai trattamenti farmacologici, sono riservati ai cittadini selezionati dall'équipe medica, in base agli esami eseguiti nella prima fase del progetto.

 

Dai dati raccolti, infatti, si è riscontrata un'incidenza della sindrome metabolica nel 12,5% del campione, ovvero in circa 500 persone che saranno invitate, a gruppi di circa 50, a un incontro con esperti in scienza dell'alimentazione e attività motoria. Sono stati così programmati dieci incontri, che si terranno ogni giovedì, a partire appunto dall'8 aprile: sei a Bagnacavallo (per i residenti nel capoluogo e nelle frazioni di Boncellino e Villa Prati) e quattro nelle frazioni: Villanova, Glorie, Traversara e Masiera (per i residenti a Masiera e a Rossetta) ai quali saranno invitati, tramite lettera, i cittadini selezionati. Inoltre, l'équipe medica si è resa disponibile a promuovere un ulteriore incontro aperto a tutti coloro che sono interessati a ottenere consigli utili per la propria salute. 

 

Agli incontri parteciperanno: Pierluigi Giacomoni, della medicina interna dell'ospedale di Lugo, coordinatore responsabile del progetto, Daniela Santini, responsabile del servizio aziendale di dietetica e nutrizione clinica e Gianluigi Sella, responsabile del servizio aziendale di medicina dello sport.

 

Si ricorda che la prima fase del progetto si è svolta dal luglio 2006 fino al giugno 2009. Sono stati invitati tutti i cittadini del comune di Bagnacavallo nati fra il 1946 e il 1975 e registrati all'anagrafe entro il 22 giugno 2006, per un totale di 6.562 persone, alle quali sono stati gratuitamente offerti un prelievo di sangue e un'"intervista" per raccogliere informazioni generali riguardanti le condizioni di salute. Hanno aderito 4.025 cittadini, pari al 61,33% del campione, a testimoniare la grande partecipazione popolare a questo progetto. 

A ogni persona che ha aderito all'iniziativa sono stati consegnati: il referto degli esami eseguiti con una lettera di accompagnamento per il proprio medico di famiglia e, in caso di riscontro di alterazioni metaboliche, è stato fornito anche un manuale riportante indicazioni utili per adottare un corretto stile di vita e alimentare. In alcuni casi, selezionati a cura del personale medico, è stata eseguita un'ecografia del fegato. In altri casi ancora, grazie alla collaborazione con l'Università di Bologna, è stata realizzata anche un'indagine con Fibroscan, strumento in grado di misurare la "rigidità" (cioè il grado di fibrosi) del fegato.

Tutti i dati rilevati sono confluiti in un database centralizzato, realizzato appositamente per Bagnacavallo dalla Airon Telematica di Milano specializzata in progetti sanitari, e successivamente elaborati.

 

Per informazioni: Segreteria del sindaco, 0545 280817-814.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -