Bagnacavallo: un documentario sui giovani di Tuzla

Bagnacavallo: un documentario sui giovani di Tuzla

BAGNACAVALLO - Nell'ambito degli appuntamenti di "Bagnacavallo d'inverno - Segni di pace", alle 18 di martedì 23 dicembre a Palazzo Vecchio verrà proiettato il documentario Youth of Tuzla (Ita 2008) di Matteo Pasi, Massimo Venieri e Stefano Zanotti.

 

Interverranno due dei tre realizzatori del documentario, Pasi e Venieri dell'associazione Pereira, e l'assessore alle Politiche Culturali del Comune, Nello Ferrieri.

 

È prevista inoltre la partecipazione dei "V.I.P. Clown Forlì" che racconteranno del progetto "Missione Tuzla/Bosnia".

Ingresso gratuito.

 

Tuzla, Bosnia Erzegovina, è la città della tolleranza e del dialogo, in cui lingue, culture e religioni diverse nei corso dei secoli hanno potuto incrociarsi e conoscersi reciprocamente. Durante il conflitto in Bosnia i tre principali gruppi etnici - musulmani, serbi ortodossi e croati cattolici - decisero di non fare la guerra tra loro ma di collaborare per difendere unitariamente la città dal nemico esterno. Insieme nella lotta, ma anche nel lutto. La granata serba che il 25 maggio 1995 uccise 71 persone, per lo più giovani, che stavano festeggiando la fine della guerra in una delle piazze centrali della città, non fece distinzioni. Le vittime giacciono insieme, nel piccolo cimitero del parco "Slana Banja" e solo un piccolo simbolo sulle lapidi ne distingue l'origine etnica e religiosa.

 

L'unità è il primo passo per lasciarsi alle spalle la pesante eredità del passato e provare a dare un futuro diverso al paese. Motore e anima del cambiamento saranno le giovani generazioni, con tutte le difficoltà che esse incontrano, non solo in Bosnia Erzegovina, per affermare le proprie aspirazioni.

 

Ed è proprio dei giovani che parla questo documentario. Dei loro problemi, dei loro dubbi e degli ostacoli che affrontano quotidianamente. Della loro insofferenza e della loro disillusione di fronte ad un mondo che ancora pare abbia paura di cambiare, nonostante gli sforzi e il coraggio profusi. Ma è anche il documentario dei loro sogni che si schiudono, delle possibilità, dei lenti ma inesorabili passi verso un futuro migliore.

 

Attraverso una serie di interventi di rappresentanti di istituzioni (Municipalità di Tuzla, ambasciatore italiano), di enti per lo sviluppo economico (Nerda, Bit Center, Fipa, Camera di Commercio Italo-Bosniaca), del mondo associativo (Casa della Fiamma della Pace, Telex, Youth of Tuzla Association) ed educativo (Istituto Elettrotecnico) o ascoltando direttamente il parere di imprenditori, musicisti e artisti in erba, si è cercato di evidenziare le grandi potenzialità presenti, ma anche i limiti imposti alla popolazione giovanile della città, esempio significativo di tutta l'attuale società bosniaca. (Tratto da www.youthoftuzla.com)

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa si avvale del patrocinio di: Comune di Bagnacavallo, Provincia di Ravenna e Regione Emilia-Romagna.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -