BAGNACAVALLO - ''Nuovo cinema Bagnacavallo'': spazio all'animazione

BAGNACAVALLO - ''Nuovo cinema Bagnacavallo'': spazio all'animazione

BAGNACAVALLO - Martedì 6 marzo, nuovo appuntamento con la rassegna “Nuovo Cinema Bagnacavallo” nel convento di San Francesco. Alle 21 sarà proiettato il film di animazione Azur e Azmar (Fra 2006, 90’) di Michel Ocelot. Si tratta di una sorta di anteprima dell’uscita del film in dvd, prevista per il giorno successivo.


Azur ha gli occhi azzurri, Asmar ce li ha neri come la notte. Il primo è figlio di un nobile gelido, il secondo di un’amorevole balia, che cresce i pargoli come fratelli, raccontando a entrambi, ogni sera, alle porte del sonno, la leggenda della fata dei Jinns, che attende, da una prigione nascosta, il giovane che la libererà. Ma un giorno il padre di Azur lo manda lontano da casa per studiare e scaccia dalla sua dimora francese la nutrice e il piccolo Asmar. Solo una volta adulto, Azur si imbarcherà in direzione dell'Oriente per ritrovare i suoi cari e liberare la fata dei Jinns. Lo guida l’eco di una lingua a noi sconosciuta, di cui serba il ricordo infantile (l’arabo, volutamente non doppiato né sottotitolato) e lo scorta lo sgradevole Rospù, un mendicante brutto e bianco che sputa sulla terra che lo sta ospitando e che gli dà di che sopravvivere.

Prima ancora che un artista, Michel Ocelot è un incantatore, uno di quegli illusionisti capaci di magiche incongruità, come far uscire un animale da un oggetto vuoto o un film sul medioevo della civiltà islamica da un software 3D che più moderno non si può. Con Azur e Asmar, spettacolo nel quale si mescolano suggestioni da “Mille e una notte”, Ocelot mette in scena la vicenda di un’amicizia elettiva tra un principe azzurro e un esotico Aladino inserendola nello schema della fiaba, e con questo ci ricorda che la realtà è ben diversa. Però, come insegna l’esempio di Azur, un racconto leggendario può guidare una vita, basta crederci. Ocelot vede nell’unione delle culture l’avvenire del mondo e lo comunica con il suo tratto ispirato tanto dai pittori fiamminghi quanto dalle miniature persiane e con la sua tavolozza che mescola i colori di Francia con quelli della Turchia, dell’Andalusia e del Maghreb.


Azur e Azmar sarà replicato sabato 10 marzo, sempre alle 21.


In questi giorni il convento ospita anche, nella sala delle proiezioni, una mostra del convento dal titolo Frame_riprogrammati_07, di Ègo-Tek. Si tratta di immagini televisive “riprogrammate” e contaminate con altre immagini, e in tal modo, spiega l’artista, «liberate e ricontestualizzate alla luce delle azioni di disturbo creativo esercitate su di esse».

La mostra, realizzata in collaborazione con Vanessa Sorrentino dell’associazione Artincanti e con il Cinecircolo Fuoriquadro, resterà aperta fino al termine della rassegna (13 marzo) e sarà visitabile nelle serate delle proiezioni.


Continua inoltre il “Quesito di Betty”, concorso legato alla rassegna cinematografica.


La rassegna “Nuovo Cinema Bagnacavallo” è organizzata dal Cinecircolo Fuoriquadro. Oltre al contributo del Comune di Bagnacavallo, sono da segnalare le collaborazioni con il premio giornalistico-televisivo Ilaria Alpi di Riccione, l’associazione “Amici del Mozambico”, il Comitato Burkina Faso di Bagnacavallo e Amnesty International-Gruppo Italia 157 di Lugo.

Ingresso alle proiezioni 3,50 euro, con obbligo della tessera annuale del Cinecircolo Fuoriquadro (1 euro). Il convento di San Francesco è in via Cadorna 14.

Per informazioni: 347 1819575 - fuoriquadro@libero.it.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il programma completo della rassegna “Nuovo Cinema Bagnacavallo” è consultabile sul blog www.cinemabagnacavallo.blogspot.com.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -