Bagnasco: ''maggioranza non può decidere sui valori''

Bagnasco: ''maggioranza non può decidere sui valori''

Bagnasco: ''maggioranza non può decidere sui valori''

CITTA' DEL VATICANO - Fra i poteri ingiusti che oggi vorrebbero limitare la liberta' della Chiesa, c'e' quello della cosiddetta maggioranza spesso legata a una forte opinione pubblica. Ma la morale non puo' dipendere dai numeri. E' questo il passaggio principale nell'omelia pronunciata dal cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei) e arcivescovo di Genova, in occasione della messa per la celebrazione di San Lorenzo.

 

"Sembra che il bene e il male dipendano dall'opinione pubblica", come se "ciò che è morale o immorale dipendesse dai numeri», da quello che «la maggioranza pensa sui valori", ha affermato il cardinale, sottolineando che quello dell'opinione pubblica è forse "il più subdolo e strisciante» dei «poteri ingiusti che vorrebbero imprigionare la libertà della Chiesa e dei cattolici".

 

Per Bagnasco "c'è anche chi ritiene e proclama che non ha più senso parlare di moralità e di immoralità, poiché, essendo impossibile, essi pensano, conoscere la verità delle cose, ognuno decide individualmente e assolutamente ciò che è bene o meno, basta non disturbare troppo gli altri".

 

Le persecuzioni di cui sono vittime i cristiani, ha continuato Bagnasco, dimostrano come ancora oggi ci sono ''poter ingiusti'' che vogliono imprigionare ''la liberta' del credente'' e rimane solo la voce del Papa a difendere i cristiani dall'intolleranza.

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -