BAGNO DI ROMAGNA - Sabato inaugura mostra di Eva Montanari al Palazzo del Capitano

BAGNO DI ROMAGNA - Sabato inaugura mostra di Eva Montanari al Palazzo del Capitano

BAGNO DI ROMAGNA - Sabato 2 Dicembre, alle ore 17,00 presso il Palazzo del Capitano di Bagno di Romagna verrà inaugurata la splendida mostra “Come gocce” di Eva Montanari.

Eva Montanari è una giovane ma già importante illustratrice ed autrice di libri per ragazzi tradotti in Giappone, Stati Uniti, Inghilterra, Spagna, Portogallo, Cina, Finlandia, Corea. Tra i suoi libri scritti e illustrati ricordiamo “Tante righe, piccola tigre” (Gruppo Art Edizioni 2000), “Un cucciolo rosso fuoco” (Gruppo Art Edizioni 2000), “Chissà com’è il coccodrillo” (Edizioni Arka 2002), “La macchina numero uno” (Edizioni Arka 2004), “Buffonaggi” (Edizioni Arka 2004), “Senza fretta, in bicicletta” (Nord-Sud 2005).

"A concludere la stagione espositiva 2006" sostiene Monia Giovannetti, Assessore alla cultura di Bagno di Romagna, "è una mostra capace di accendere la fantasia, suscitare emozioni, rivolta soprattutto ai bambini. Invito pertanto insegnanti ed alunni delle Scuole materne ed elementari a partecipare all’inaugurazione, durante la quale verrà regalato il bel catalogo-racconto realizzato da Eva Montanari proprio per loro".

Si conclude con la mostra di Eva Montanari una stagione espositiva certamente brillante per Bagno di Romagna, che ha visto il Palazzo del Capitano caratterizzarsi sempre più come centro vitale di iniziative artistiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Col trascorrere delle stagioni si è passati dalla visione dei disegni e delle stampe novecentesche conservate nei musei del cesenate e del forlivese all’incontro con l’arte naif di alcune splendide pittrici romagnole, alle rievocazioni resistenziali di un maestro dell’arte italiana come Tono Zancanaro, al contatto con la calda umanità della scultura di Ilario Fioravanti, alla riscoperta dello splendido sito di Corzano con le rocche e i castelli di Giordano Severi. Ora, l’incontro con Eva Montanari assume un particolare significato anche come elemento di congiunzione fra un programma espositivo che si chiude e quello che si inaugurerà nel prossimo anno e che sarà caratterizzato da un ancor più accentuato rapporto con il mondo della scuola.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -