Bancarotta fraudolenta, Lele Mora finisce in carcere

Bancarotta fraudolenta, Lele Mora finisce in carcere

Bancarotta fraudolenta, Lele Mora finisce in carcere

MILANO - Per Lele Mora si sono aperte le porte del carcere di Milano. La Guardia di Finanza l'ha arrestato su ordine di custodia cautelare firmata dal gip Fabio Antezza con l'accusa di bancarotta fraudolenta documentale e patrimoniale. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata firmata dal gip Fabio Antezza. L'inchiesta, condotta dai pm Eugenio Fusco e Massimiliano Carducci, hanno consentito di accertare una bancarotta fraudolenta per oltre 8 milioni di euro

 

Tale è in relazione alla gestione di una società di organizzazione e gestione di eventi. Secondo gli inquirenti, una parte delle somme distratte è stata utilizzata dallo stesso imprenditore per effettuare rilevanti investimenti immobiliari. L'arresto non riguarda la vicenda legata anche al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ed esplosa con il caso Ruby. Nel motivare l'ordinanza cautelare il gip ha rimarcato il pericolo di fuga di Mora, che vive tra Milano e la Svizzera.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -