Bandiera della Romagna fuori dai Comuni, il no dei sindaci

Bandiera della Romagna fuori dai Comuni, il no dei sindaci

Bandiera della Romagna fuori dai Comuni, il no dei sindaci

"In Comune abbiamo gia' la bandiera dell'Europa, quella dell'Italia e quella della citta'. Sono gia' abbastanza". Il sindaco di Rimini, Roberto Ravaioli, non farebbe aggiungere (almeno non di sua iniziativa) la bandiera della Regione Romagna in Comune, come vorrebbe il segretario provinciale della Lega Nord di Forli' Cesena, Jacopo Morrone, che ha lanciato la proposta di esporla in tutti gli edifici pubblici dei Comuni romagnoli.

 

Tuttavia, il primo cittadino di Rimini non ci vedrebbe nulla di male se a issare il drappo giallo e rosso fossero i leghisti: "Se qualcuno vuole alzare quella  della Romagna, la alzi, non c'e' mica problema", afferma.    Piu' drastici, invece, i sindaci di Ravenna e Imola, Fabrizio Matteucci e Daniele Manca. "Assolutamente no", infatti, e' la risposta del sindaco della citta' bizantina, Fabrizio Matteucci, che a Palazzo Merlato vuole vedere soltanto "la bandiera europea, quella italiana e quella di Ravenna. Perche' noi siamo europei, italiani e ravennati, e tanto ci basta".

 

Il primo cittadino di Imola, invece, minimizza: "Si tratta di una boutade estiva. Qui abbiamo bisogno di serieta'". Ma indirettamente fa sapere di prendere molto sul serio la questione, che non si riduce a una semplice bandiera: "Dimezzare una grande Regione europea significherebbe ridurne l'efficacia e la forza, nonche' duplicare costi inutili", taglia corto Manca.

 

 

 

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di mm77
    mm77

    Non si rendono conto certi dirigenti che con questo loro muro antidemocratico fanno solo il male oltre che dei romagnoli, anche del PD stesso, che è il loro come anche il mio partito. Quella della bandiera della Regione Romagna mi pare una bella cosa, ma deve essere una cosa veramente sentita e condivisa, non imposta e cavalcata strumentalmente solo da una parte politica.

  • Avatar anonimo di Franco Cupini
    Franco Cupini

    E' desolante constatare che i primi nemici della Regione Romagna siano i sindaci romagnoli legati ad un partito che non ha ancora capito che avere la Regione Romagna non dimezza proprio nulla ma ristabilisce un equilibrio che non c'è piu' da anni .Il discorso di Vasco Errani altro "nemico" della Regione Romagna apparentemente convince ancora chi "obbedisce" al partito senza riflettere un po' di piu'. Certo se ci fosse la Regione Romagna i contributi europei non sarebbero certo gestiti da Bologna e suddivisi tra Emilia e ogni tanto in Romagna...certo sarebbero di meno MA TUTTI per la Romagna cari i miei sindaci VASSALLI . Ma è mai possibile che solo la Lega va nella direzione giusta . Ma perché i sindaci in questione non organizzano un bel dibattito serio e concreto e la smettono di sentenziare senza osare discutere . Ma perché volete far trionfare la Lega anche in Romagna ? La miopia è terribile ma la cecità "uccide" . NON C'E' NULLA DI MALE A PARLARE E DISCUTERE" ma ma vostra è un'attitudine di paura e cosi' fate il gioco della Lega !!!! Sveglia compagni !!!! Franco Cupini

  • Avatar anonimo di il vichingo
    il vichingo

    ... ha sicuramente piu senso la bandiera della Romagna che quella eurpoea....

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -