Barcone affondato a Lampedusa, continuano le ricerche dei superstiti

Barcone affondato a Lampedusa, continuano le ricerche dei superstiti

Barcone affondato a Lampedusa, continuano le ricerche dei superstiti

Rimangono fermi a quota 51 i superstiti del naufragio che nella, notte tra martedì e mercoledì, ha ribaltato in mare 300 profughi in fuga dalla Libia. A complicare le ricerche della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza italiana sono le condizioni del tempo proibitive. Il vento è calato, ma il mare rimane in condizioni forza 6. " Siamo sgomenti. - afferma in una nota il premier Silvio Berlusconi - Si tratta di persone disperate".

 

Immediatamente dopo il terribile naufragio, che si è verificato nell'area del canale di Sicilia, il mare, molto agitato, e una falla nell'imbarcazione hanno reso pressochè vani i tentativi di salvataggio. E purtroppo le previsioni danno calma di vento solo a partire da giovedì pomeriggio. I dispersi continuano ad essere circa 250, tra cui molte madri con bambini.

 

Nel frattempo si è espresso sulla tragica situazione anche l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati che, attraverso il commissario Antonio Guterres e l'ambasciatrice di buona volontà Angelina Jolie, ha chiesto che si intervenga il prima possibile per evitare il ripetersi di simili vicende.

 

E, in questa ricerca dei superstiti, sull'isola siciliana rimangono ancora 1.100 immigrati che aspettano di essere imbarcati.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -