Bartolini (Pdl) ai grillini: "Non si governa un Paese con un concerto"

Bartolini (Pdl) ai grillini: "Non si governa un Paese con un concerto"

Bartolini (Pdl) ai grillini: "Non si governa un Paese con un concerto"

"Complimenti al Movimento 5 Stelle per la bella festa organizzata al parco Ippodromo di Cesena, ma vorrei ricordare ai grillini che non si governa un Paese con un concerto". Luca Bartolini, consigliere regionale del Popolo della Libertà, commenta così il Woodstock 5 Stelle.

 

"Un'iniziativa - continua l'esponente del Pdl - che soprattutto la sinistra non dovrebbe sottovalutare, visto che i grillini alle ultime elezioni hanno sottratto voti ai compagni, all'Italia dei Valori, ai Verdi... Il fenomeno Grillo è una chiara conseguenza dell'insoddisfazione dell'elettorato di centrosinistra. Per quanto riguarda le critiche al governo, a Berlusconi e ai suoi ministri, le ritengo piuttosto banali, superficiali e degne del miglio Di Pietro: sempre le solite osservazioni che non fanno cambiare opinione alla maggioranza degli italiani, sempre vicina al premier. D'altronde chi non lavora, chi non affronta in prima persona le questioni cruciali per lo sviluppo del nostro Paese, chi non cerca di risolvere i problemi degli italiani, non si sporca le mani di fango. Ed è facile criticare quando non ci si assume responsabilità e ci si limita a scrivere qualche riga su un blog. Amministrare una Nazione o una città è qualche cosa di molto complicato".

 

"Proviamo ad azzardare un paragone, pensiamo a tutte le cose che sono state dette durante il Woodstock e ciò che si è visto in pratica nella manifestazione. Energia e rifiuti sono stati due tra i principali temi trattati, assieme alla mobilità. Tutto deve essere sostenibile, ogni cittadino deve diventare produttore di energia col solare sul tetto di casa e via dicendo. Queste le tesi di Grillo. Ebbene, con che cosa ha funzionato tutta la baracca del festival? Con dei generatori a gasolio. Un sistema non si cambia dall'oggi al domani, va bene puntare sulle rinnovabili, cosa che il governo sta facendo, ma per una transizione totale del sistema energetico serve parecchio tempo, questa è la realtà con cui bisogna confrontarsi. Quindi se non vogliamo tornare a spostarci con cavalli e carrozze dobbiamo pensare a qualche cosa che ci dia energia mentre si compie questo cambiamento, e la risposta è nel NUCLEARE: ben vengano, quindi, le centrali di ultima generazione che sono nel programma del governo Berlusconi. I rifiuti, poi. Ma Grillo ci vuol venire a raccontare che l'immondizia raccolta a Woodstock sarà tutta differenziata? Compresa la carta sporca di olio, il cartone su cui stava la pizza... Suvvia, tutti sanno che una parte di rifiuti, anche quelli raccolti in modo differenziato, non può essere recuperata e quindi finisce in discarica o all'inceneritore. E poi dentro all'area Woodstock c'era la raccolta, ma nei dintorni parecchi partecipanti hanno usato i bidoni dell'indifferenziato o hanno abbandonato i rifiuti".

 

"Infine, quando Grillo parla della mobilità sostenibile. Tra sabato sera e domenica, sulla via Emilia, nell'ex Zuccherificio, vicino all'Ippodromo c'erano macchine dappertutto. Tanta della sua gente s'è spostata in auto ed è voluta arrivare fin sotto il palco, altroché treni, navette e biciclette. Nemmeno i suoi seguaci mettono in pratica i suoi consigli e lui ci viene a fare la predica a tutti noi. Con questo esempio voglio dire che i temi proposti hanno un loro interesse, ma se non si riescono ad applicare ad una festa in un parco, come possono essere applicato al Paese o al mondo intero?".

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Gianluca Amadio - candidato consigliere comunale Lista Civica CESENA 5 STELLE
    Gianluca Amadio - candidato consigliere comunale Lista Civica CESENA 5 STELLE

    Caro Consigliere Bartolini, tralascio di commentare alcune sue affermazioni per mancanza di spazio, mi riferisco solo al nucleare e rifiuti. La esorto a guardare l'inchiesta di Presa Diretta andata in onda in data 20 settembre 2010 su RaiTre. Il nucleare è insicuro, fonte di tumori anche in condizioni di normale utilizzo, la terza generazione di centrali è una favola in fase di collaudo (vedi la centrale in costruzione in Finlandia che se potessero non la porterebbero più a termine) non esiste al mondo un luogo sicuro per le scorie ad alta radioattività, non esiste in Italia un luogo sicuro per stoccare nemmeno gli scarti delle radiologie ospedaliere figuariamoci delle centrali nucleari e ultimo NON SONO ECONOMICAMENTE CONVENJIENTI, basti pensare al fatto che in Germania hanno già una legge che impone la fine del nucleare in quanto non sostenibile da nessun punto di vista. In Germania il sito individuato per lo stoccaggio delle scorie a media e bassa radioattività, dichiarato sicuro per 10mila anni, dopo 30 anni si è rivelato inadeguato tanto che dovranno essere spesi 1,4 miliardi di euro per spostare le scorie in un luogo non sicuro. Direi che prima di parlare sarebbe opportuno documentarsi non si può sempre e sistematicamente mistificare la realtà, inoltre visto che B. si rifà spesso alla volontà popolare, ricordo che è già stato fatto un referendum per bandire il nucleare dall'Italia. Per quanto riguarda i rifiuti il Centro riciclo di Vedelago (TV) è una realtà che consente un riciclo fino al 99% rendendo di fatto inutili sia discariche che inceneritori che sono solo fabbriche di tumori. Un amministratore vero se vuole rendere un servizio alla propria comunità dovrebbe documentarsi su ciò che oggi si può fare anziché sposare e reiterare scelte ideologiche che servono solo a tutelare gli interessi di pochi a danno della collettività.

  • Avatar anonimo di stefano
    stefano

    Non mi meraviglia che il Pdl scenda in campo a difendere il Pd dalla minaccia grillina. In fondo i due super contenitori-partito sono entrambi in stato comatoso ed entrambi hanno bisogno l'uno dell'altro per esistere. E' ora di terminarli entrambi!

  • Avatar anonimo di mm77
    mm77

    Non mi stupisco che l'opposizione di destra in questa Regione sia poco credibile e riscuota poco consenso: Stia tranquillo Bartolini, che il M5S oltre a sinistra sottrae molti voti anche alla destra, e riscuote consenso da parte di molti che non credevano più nella vera politica. La predica la sta facendo lui, non si cambiano gli stili di vita da un giorno all'altro, e tra i tanti partecipanti a woodstock ce n'erano molti che non fanno parte del movimento, ma vi erano cittadini curiosi, molti dei quali appartenenti ai vari partiti.

  • Avatar anonimo di samigidi2
    samigidi2

    Buongiorno, non intendo relazionarmi con chi ha rilasciato le dichiarazioni di cui sopra ma rivlgermi a tutti i comuni cittadini che le leggeranno: leggetele attentamente e ricordatevele, son assieme a quelle rilasciate dall'omologo contrapposto (lo zombie del PD che immancabilmente ha parlato) il più fulgido esempio che ascoltando questi signori nulla cambierà e saremo alla loro esclusiva mercè noi ed i nostri figli fino alla fine delle nostre vite e così nei secoli dei secoli AMEN! Secondo questo signore i 180.000 presenti all'evento sono tutte persone che non lavorano, non si sporcano le mani di fango e non si occupano di prendere le decisioni necessarie allo sviluppo del paese, Berlusconi e Bersani e le loro cricche invece, miracoli fanno! Un'ultima battuta, probabilmente il paese non si governa con un concerto, ci si riesce molto meglio con festini a base di escort, polvere e mazzette, n'est ce pas?

  • Avatar anonimo di Davide3
    Davide3

    il nucleare??? uno spreco di soldi, tra qualche tempo (quando cadrà berlusconi) non si farà più nulla. Inoltre nucleare e rinnovabili non vanno daccordo: o finanzi uno o l'altro, il nucleare costa un'esagerazione e non ti restano soldi per il resto. Bartolini l'ha imparata bene la filastrocca da ripetere... è anche lui un promotore della libertà!? ahahah

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -