Basket Dilettanti, al via i playoff: l'Acmar attende la Tosoni Villafranca

Basket Dilettanti, al via i playoff: l'Acmar attende la Tosoni Villafranca

Basket Dilettanti, al via i playoff: l'Acmar attende la Tosoni Villafranca

RAVENNA - Quasi un mese senza partite ufficiali, a fare i conti con un'attesa che cresce giorno dopo giorno, tra la fine della stagione regolare e l'inizio dei playoff. Un'attesa lunga e per certi versi estenuante, che coach Ciocca ed i suoi ragazzi hanno sfruttato per farsi trovare pronti all'appuntamento.  Ora, per l'Acmar si è fatta finalmente l'ora di tornare in campo, dopo aver chiuso la stagione regolare sul parquet di Padova lo scorso 9 aprile.

 

Tre settimane dopo il 53-58 raccolto in terra veneta, i giallorossi ritrovano il campo sulle tavole amiche del PalaCosta, per quella che sarà gara-1 dei playoff validi per l'unica promozione in A Dilettanti della stagione. L'avversaria, ironia della sorte, è la stessa con cui l'Acmar di Cesare Ciocca ha iniziato la stagione regolare, la Tosoni Villafranca.

 

La formazione veronese allenata da Dacio Bianchi ha infatti conquistato il sesto posto "vincendo" la classifica avulsa resa indispensabile dall'arrivo a pari punti a quota 30 di ben quattro squadre: Villafranca sesta, allora, con Roncade settima, Castelnovo ottava e la Conad Sg Bologna nona e condannata ai playout per la salvezza.

 

A poco più di quarantotto ore dalla palla a due, abbiamo fatto il punto della situazione con coach Cesare Ciocca. Qual è il suo primo pensiero entrando in clima playoff?


"L'attesa è stata lunghissima, un mese dall'ultima partita è stato veramente lungo da fare passare. Abbiamo lavorato molto, abbiamo giocato diverse amichevoli ed abbiamo cercato di raggiungere una forma tecnica, fisica e mentale adeguata per questi playoff. Dopo tanta attesa, abbiamo voglia di giocare".

Come vede la tua squadra?
"Vedo i ragazzi molto concentrati; la squadra ha sempre lavorato duro e a maggiore ragione lo ha fatto in questo periodo. Adesso si tratta solo di giocare, non è il momento di fare calcoli. Pensiamo di avere fatto tutto quello che andava fatto, ora comincia un campionato nuovo dove non possiamo fare errori, in cui conta arrivare pronti ed avere un po' di fortuna".

 

Che serie si aspetta contro Villafranca?
"A questo punto, credo che tutti gli avversari siano duri. Dobbiamo fare pochi calcoli e avere grande rispetto e fiducia nei propri mezzi, sapere che è difficile giocare ovunque. Ogni partita e ogni serie è a sé stante, basta farsi trovare pronti".

Cosa chiede al pubblico e ai suoi ragazzi?
"La speranza è che il pubblico venga, sia presente, che anche Ravenna abbia un fattore campo. Posso dire che abbiamo avuto più persone rispetto al passato e rispetto all'inizio, ma ora è chiaro che conta la partecipazione del pubblico, che dev'essere un po' più marcata. Ai miei ragazzi chiedo solo di mettere in campo quello che hanno fatto in palestra fin dal 12 agosto. Abbiamo fatto  un percorso importante, iniziando l'anno con una rifondazione profonda: abbiamo raggiunto buoni risultati, con qualche risultato non all'altezza come accade in ogni campionato, e siamo generalmente soddisfatti. Ora, ai miei ragazzi, chiedo solo di crederci e di pensare che possiamo dire la nostra e che non partiamo battuti con nessuno".


Qual è la cosa che teme di più in questi playoff?
"Credo vadano giocati facendo un passo alla volta. Se fai troppi calcoli o previsioni, è il momento in cui ti si ritorcono contro. Rispettiamo Villafranca, consci del fatto che si passerà il turno pensando ad una partita per volta".


Cosa farà la differenza contro Villafranca?
"Credo che la mia squadra debba entrare in campo nel giusto modo, perché se entriamo con la testa che dobbiamo avere abbiamo sempre difeso bene e attaccato con logica. Comincia un campionato a parte, in cui saranno determinanti lavoro, testa, gambe e gioco di squadra. Sappiamo che si va avanti se la squadra lavora in sintonia, se è disposta ad aiutarsi, se nei momenti di difficoltà non si attacca alle situazioni individuali ma prova a vincere attingendo a tutte le risorse del gruppo. Ora dovremo fare parlare il campo".

 

Nei playoff non valgono le tessere abbonamento rilasciate ai tifosi ed agli sponsor; restano valide invece le tessere di ingresso riservate ai bambini ed ai ragazzi del settore giovanile.  La prima partita dei quarti di finale si giocherà sabato alle ore 20.30 presso il PalaCosta di Ravenna.

 

La seconda, è in programma per mercoledì 4 maggio alle ore 20.45 presso il PalaAnti di Villafranca di Verona, mentre la eventuale terza partita si giocherà sabato 7 maggio alle 20.30 al PalaCosta di Ravenna. Tutto il Basket Ravenna Piero Manetti chiama a raccolta i propri tifosi per recitare il ruolo di sesto uomo in campo, fondamentale nell'inseguimento del sogno giallorosso.

 

Le biglietterie del PalaCosta apriranno alle ore 19.15, i cancelli di ingresso al palazzetto alle 19.30. Le tariffe per i biglietti restano pertanto quelle della stagione regolare:
Intero: 7 euro
Ridotto (Nati fino al 1945): 5 euro
Young (Nati dal 1989 al 1996): 3 euro

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i ragazzi nati dal 1997 in avanti l'ingresso al palazzetto sarà gratuito, dietro presentazione di un documento di identità al botteghino.  Si ricorda che per i playoff non saranno valide le tessere abbonamento e le tessere omaggio rilasciate per la stagione regolare.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -