Basket, LegaDue: a Forlì tifosi in 'silenzio' per protesta

Basket, LegaDue: a Forlì tifosi in 'silenzio' per protesta

Basket, LegaDue: a Forlì tifosi in 'silenzio' per protesta

FORLI' - Tifoseria con la sordina per la prima partita del ritorno in serie A del basket forlivese. Nella partita d'esordio tra Fulgor Libertas Basket Forlì e Tenezis Verona (vinta dai romagnoli per 85-75) la curva dei padroni di casa è stata insolitamente silenziosa. Solo negli ultimi trenta secondi i supporters biancorossi si sono lasciati andare, di fronte alla maiuscola prestazione dei loro beniamini.

 

A motivare il 'silenzio' un volantino, firmato dagli "Ultras Forlì 1997 Quartiere Cà Ossi", che riconoscono il 3 ottobre 2010 come una "data storica per la pallacanestro forlivese", ma ricordano anche quanto accaduto il 16 giugno scorso, a seguito della sconfitta subita da parte della Fortitudo nella finale dei play-off promozione.

 

In quella circostanza, scrivono i tifosi nel volantino, "qualche zelante tutore dell'ordine non trovò di meglio da fare che manganellare e caricare le persone che, in campo, andavano a salutare e consolare i giocatori che avevano dato tanto per i colori di Forlì per tutto l'anno".

 

Quei fatti, tre mesi dopo, hanno prodotto la diffida e denuncia di sette persone. "Non casuali", le definiscono gli "Ultras Forlì 1997", perchè "vanno a colpire persone della curva non colpevoli di aver creato particolari disordini ma colpevoli di essere elementi conosciuti e considerati 'organizzatori' della curva stessa".

 

"Dopo 11 anni di serie B non ce la sentiamo di festeggiare", si sono giustificati i tifosi nel volantino. Nonostante il ritorno in serie A, "non ce la sentiamo di cantare, ce ne stiamo in silenzio a guardare una partita di pallacanestro". Tuttavia la protesta non durerà a lungo. "La curva va avanti come prima e pù forte di prima! - assicurano gli ultras - Cambiano i mezzi non il fine. Abbiamo solo scelto la via della sopravvivenza".  

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Thovè!
    Thovè!

    La tifoseria si sta comportando male; non è colpa dei giocatori se alcuni tifosi sono stati colpiti dalla Daspo. Al questore e al prefetto non importa se loro non cantano a sostegno della squadra, ma i giocatori invece potrebbero risentire di un palazzetto dove il tifo non li sostiene. Meno male però che i forlivesi, sono stati molto bravi nell'organizzare lo stesso un caldo tifo!! Complimenti ai cittadini forlivesi!!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -