Bellaria: "La Locandiera", ultimo appuntamento

Bellaria: "La Locandiera", ultimo appuntamento

BELLARIA - Ultimo appuntamento in cartellone mercoledì 24 marzo alle ore 21 per il Teatro Astra, che chiude con lo spettacolo "La locandiera" de Le Belle Bandiere, insieme al Teatro Stabile di Brescia, mettendo in scena una personale rielaborazione del testo di Carlo Goldoni. Lo spettacolo è interpretato da Elena Bucci nel ruolo di Mirandolina, da Marco Sgrosso in quello del cavaliere di Ripafratta, da Daniela Alfonso, che vestirà i panni di Dejanira, mentre Maurizio Cardillo sarà il conte d'Albafiorita, Gaetano Colella il marchese di Forlipopoli, Nicoletta Fabbri Ortensia e Roberto Marinelli Fabrizio.

 

Mirandolina è «donna, che conoscendo il suo punto, sa stabilire la sua fortuna» e Goldoni dimostra di affrontare e risolvere con maturità il tema dell'affermazione femminile, recependo e trattando le istanze che emergono dal pensiero illuminista del tempo. Il motivo del successo della commedia risiede nella modernità della protagonista, una donna caustica e autonoma al tempo stesso, una imprenditrice che sceglie di essere tale anche nel gestire gli affari di cuore, attenta alla borsa e lucida nelle valutazioni dei possibili pretendenti. Sfilano nella sua locanda nobili e arricchiti, ma la proprietaria della locanda non perde di vista il proprio tornaconto, evitando di recitare una parte che non le appartiene (e il siparietto delle attricette ne è la riprova), scegliendo per sé il fedele servitore, un uomo del suo censo, che possa sostenerla senza intralciarla nella vita e nel lavoro.

 

Nella "Locandiera" tutti i personaggi sembrano alla ricerca di un atto miracoloso, sia esso riguardante l' amore, il matrimonio o l'accomodamento, che sia antidoto all'angoscia e che risolva pavidità e sogni infranti. Contemporaneamente Elena Bucci e Marco Sgrosso, fondatori del gruppo teatrale Le Belle Bandiere, sorto in seno al teatro di Leo De Berardinis, continuano la loro esplorazione irriverente, intelligente e innovativa dei classici del teatro italiano. Nella spettacolarità di un intreccio ad orologeria che contrappone senza mezzi termini una vivace guerra dei sessi, condita al tempo stesso da una feroce ironia sui contrasti sociali e sul mutare di tempi e convenienze, assoluta protagonista è proprio la figura della locandiera.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -