Bellaria: "Pagine sull'onda", arriva Piero Badaloni

Bellaria: "Pagine sull'onda", arriva Piero Badaloni

BELLARIA -  Il direttore di Rai International Piero Badaloni (volto notissimo della televisione italiana per aver a lungo condotto il TG1 della sera) interviene la sera di venerdì 8 agosto per parlarci di Berlino che è probabilmente la nuova capitale dell'Europa: a Berlino c'è infatti la popolazione più giovane, più colta, più dinamica d'Europa e poche altre città al mondo possono offrire quello che Berlino dà ai propri abitanti, in termini di servizi, spazi verdi, affitti bassi e centomila stranezze che fanno di Berlino una città ordinata e pazza allo stesso tempo. 

 

venerdì 8  agosto ore 21.30 Parco Panzini - PIERO BADALONI

Tutti pazzi per Berlino. Ritratto della nuova capitale dell'Europa, Sperling & Kupfer

 

Nell'ultimo anno oltre sei milioni di persone (fra cui molti italiani e moltissimi giovani) hanno visitato Berlino. Perché tanto interesse per la capitale tedesca? Senza dubbio è una città da record: ospita più di cinquecento gallerie d'arte, ha due filarmoniche, due biblioteche nazionali, tre teatri d'opera, innumerevoli musei. E poi, grandi spazi liberi e il verde a portata di mano; gli affitti bassi e la vivace vita notturna; la presenza di artisti, scrittori e designer di tutto il mondo e la straordinaria offerta culturale; l'età media bassissima. L'autore traccia un percorso attraverso i vari quartieri della città divisa dal muro fino al 1989, cercando di coglierne le tante anime, le tracce del suo ingombrante passato, le tante novità e stranezze che vi si incontrano, dal ristorante per chi digiuna all'agenzia nata per raccogliere le proteste dei cittadini.Volto storico del TG1 delle 20, Piero Badaloni è stato governatore del Lazio dal 1995 al 2000. Attualmente è direttore di RAI International.
 
Martedì 12 agosto, ore  21,30

Ingresso gratuito     

 

GIOVANNI BASSI

Mina prima di Mina. Rizzoli

 

Anticonformista ed eccentrica, Mina è celebre per le apparizioni fulminee, i periodi di ritiro, i ritorni folgoranti. Ma Mina è sempre stata così come la conosciamo? Prima di diventare famosa, prima di essere Mina, cosa faceva nella vita? Quando ha iniziato a cantare, e come? "Ciao, sono Mina, mi fai cantare?" È così che Renzo Donzelli, chitarrista degli Happy Boys, si è imbattuto nella giovane sconosciuta che, nel giro di pochi anni, sarebbe diventata la Tigre di Cremona. Era il 1958, e gli Happy Boys, in bilico tra la canzone popolare italiana e la nascita del rock'n roll - figlio del mito americano imperversavano per i locali e le balere della Bassa padana. È forse inutile sottolineare quanto la grinta, il fascino e l'imprevedibilità di Mina abbiano dato al gruppo; è invece fondamentale - ed estremamente curioso - scoprire quanto questi ragazzi (i fratelli Nino e Renzo Donzelli, Giorgio, Micio e Fausto) abbiano aiutato a inventare e promuovere il personaggio di Mina, sorprendente e sempre fuori dagli schemi, così come ci appare oggi. Tato Crotti e Giovanni Bassi, con un'indagine sul campo, hanno scavato nel periodo meno noto della vita di Mina Anna Mazzini e, grazie alla testimonianza di amici di vecchia data e colleghi, ci raccontano gli esordi, il carattere, le vicende più bizzarre e il legame con Cremona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -