Bertinoro, collegamenti viari con la Serbia: se n'è parlato al forum di cooperazione

Bertinoro, collegamenti viari con la Serbia: se n'è parlato al forum di cooperazione

BERTINORO - Un collegamento viario tra Romania, Serbia, Montenegro e Italia, fondamentale per collegare il Sud e il Centro Italia con i mercati dell'Est Europa. Un progetto europeo basilare per l'export e per lo sviluppo di tutta l'area balcanica finanziato in parte dall'Italia, che prevede il potenziamento del tratto ferroviario e collegamenti con i principali porti italiani dell'Adriatico.  Questa importante iniziativa è stata anticipata nel corso del Forum sulla cooperazione internazionale tra Italia e Serbia, tenuto al CeUB di Bertinoro giovedì 24 e venerdì 25 marzo.

 

A darne notizia è stato Rade Berbakov, Primo Consigliere dell'Ambasciata della Repubblica Serba in Italia. «Il protocollo d'intesa tra i quattro paesi interessati - ha detto Berbakov - sarà firmato tra un paio di mesi».

 

«I rapporti bilaterali tra Italia e Serbia - ha quindi sottolineato Eugenio Campo, già Direttore generale aggiunto dell'iniziativa Centro Europa - vanno oggi letti in una dimensione europea più ampia, visto l'imminente ingresso della Serbia nell'UE. Una prospettiva importante che richiede anche una generale riorganizzazione, oltre ad una sempre più attenta gestione dei fondi, finalizzati in pochi ma significativi progetti strategici per lo sviluppo europeo dell'intera area».

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed è proprio a questo sviluppo complessivo che il partner italiano mira, come ha sottolineato anche Roberto Orlando del Ministero Affari Esteri: «Tra Italia e Serbia - ha affermato Orlando - le relazioni sono eccellenti sotto il profilo politico ma anche umano ed economico. Siamo il primo paese che importa merci dalla Serbia; solo il terzo, invece, sul fronte dell'export. L'integrazione è già attiva su più livelli, con grandi aziende italiane presenti come la Fiat ma anche piccole e medie imprese, circa duecento, già presenti nel paese. L'obiettivo strategico è per noi - ha concluso - lo sviluppo e l'integrazione piena della Serbia in Europa, affinché divenga un polo di stabilità e sicurezza per l'intera area balcanica».

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -