Bertinoro, elezioni. Debutta la lista "Punto e a capo"

Bertinoro, elezioni. Debutta la lista "Punto e a capo"

Bertinoro, elezioni. Debutta la lista "Punto e a capo"

BERTINORO - Nasce "Punto e a capo", una lista civica "alternativa a chi ha amministrato Bertinoro fino ad oggi". Il tema caldo è costruire un legame stretto tra le frazioni e il Comune contro un «campanilismo che fa male». Tanto spazio e proposte «concrete» anche per scuola, viabilità e Welfare. In vista delle elezioni del sindaco si è presentata così la nuova lista, costituita da una decina di cittadini del centro e delle frazioni.

 

Età media di 35 anni. Ancora non sono stati svelati il candidato sindaco e il simbolo. Il nome che hanno scelto la dice lunga. "Punto e a capo" si presenta giovane, compatto e con le idee chiare. E con un manifesto per il Comune di Bertinoro che tocca in primis la scuola. Qui la fine dei lavori della scuola media di Santa Maria Nuova per trasferire i bambini in una struttura più a norma ha un ruolo fondamentale.

 

Il cuore della lista civica è espresso dallo slogan con cui si presentano alle amministrative di maggio: "Tante frazioni, un solo Comune". Un motto che racchiude tutti gli altri punti del "manifesto" che spaziano dalla viabilità, al welfare ma anche l'urbanistica e la sicurezza. Infatti la riflessione principale sta nel cercare di promuovere un sistema ben collegato con il Comune di Bertinoro per evitare che i servizi o le infrastrutture che ci sono in una frazione siano in rete con le altre.

 

Spazio anche a proposte «concrete e non da libro dei sogni» per l'assistenza agli anziani e più proposte di aggregazione e svago per i giovani che, al momento, vedono un futuro fuori dalle mura del Comune. Ciò scaturisce anche dalla riflessione che a Bertinoro in pochi anni ci sia stato un notevole sviluppo demografico che si traduce in una popolazione più anziana ma anche con maggiori nascite. La lista civica ha un'impostazione politica ma non partitica nel senso che è indipendente dai partiti politici che si presenteranno alle amministrative.

 

Intanto si vocifera che qualche esponente della sinistra, scontento del proprio partito, stia già appoggiando "Punto e a capo". Ma per il candidato sindaco e il simbolo bisognerà aspettare ancora una decina di giorni.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alessandro Mazza

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di miniera
    miniera

    vorrei sapere chi è l'amico intelligente del caso,e anche il personaggio scomodo citato da franchina????E' chiaro che adesso tutti gli amici dell'attuale sindaco lo appoggeranno a spada tratta,ma è bene vedere cosa ha prodotto questa amministrazione.Se gli stessi della sinistra non lo appoggiano più vuol dire che c'e' un problema di fondo e una domanda da porsi:ha bene amministrato!se sembra di no allora è bene cambiare.

  • Avatar anonimo di Alessandro
    Alessandro

    dove si deduce che è vicina al centro sx?

  • Avatar anonimo di franchina
    franchina

    pienamente d'accordo con benpensante. lo sbaglio enorme della sinistra è quello di dividersi in mille tessere e soprattutto di non "amare" i personaggi "scomodi" come l'attuale sindaco. forse alla sinistra mancano cuore e cervello e quindi per loro uno che invece li ha e li usa è un personaggio scomodo.

  • Avatar anonimo di benpensante
    benpensante

    Da quel che sta scritto si deduce che questa sia una lista di sinistra,se lo è ha tutto l'aspetto di essere una lista di sbarramento e di disturbo a qualcuno di sinistra.Se è valido il detto "Uniti si vince" forse è valido anche il contrario ovvero che "Non uniti si perde".Forse è proprio questo che vuole una certa parte della sinistra del colle. Della serie: meglio la Lega e il PDL che un amico intelligente che governa il paese e che ha il pregio di ragionare con il cervello e non con gli ordini che vengono da fuori o dalla nomenklatura.Certo meglio sicuramente Lega e PDL a questa sinistra puerile e inconcludente che parla di rinnovamento ed "età media sotto i 35 anni ",ma che è vecchia e stantia in uomini ed idee.La POlitica non si fa con la carta d'identità ma con l'intelligenza .

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -