Bertinoro, elezioni. Futuro e Libertà verso la lista civica

Bertinoro, elezioni. Futuro e Libertà verso la lista civica

BERTINORO - "Nelle nostre azioni la coerenza di un principio che il presidente della Camera e leader del nostro partito,  Gianfranco Fini, ha ribadito più volte anche nella nostra regione: alle prossime elezioni amministrative gli elettori premieranno soprattutto liste civiche e aggregazioni locali sempre più trasversali ai ‘vecchi partiti'. In ossequio al principio dell'autonomia e del decentramento decisionale e delle deleghe, così come stabilito dall'assemblea costituente nazionale di Futuro e libertà i  dirigenti locali valuteranno il da farsi comune per comune e  la soluzione migliore sarà di volta in volta adottata ascoltando i rappresentanti locali sul territorio. Questo è accaduto a Cesenatico, dove dopo l'implosione del terzo polo Fli ha supportato dall'esterno la lista civica "Cesenatico Futura" ed anche a Bertinoro l'idea è quella di sostenere  "Punto e a capo",  la lista civica alternativa a chi ha amministrato la cittadina  fino ad oggi".

 

Queste le parole di Elisa Petroni, coordinatrice  provinciale di Futuro e libertà di Forlì-Cesena, che spiega come sia stata avallata anche la raccomandazione del coordinatore regionale di Fli Enzo Raisi di adeguare le prossime scelte politiche unicamente a parametri etici come "la qualità degli uomini e dunque dei candidati" della lista civica e l'adozione di "un programma serio e realizzabile".

 

 "Già questo mese di defatiganti trattative nei quattro comuni dove si voterà il 15 maggio  ci ha convinto che il nodo delle prossime amministrative non sia politico, ovvero un problema di alleanze fra partiti che guardano spesso al loro interesse  (soprattutto in PdL e Lega , dove è tutto in mano ai fedelissimi del Cav o ai seguaci locali di Bossi che ad ogni trattativa chiedono più del loro peso elettorale), ma semmai di come presentarsi agli elettori. Alle nostre città, soprattutto dopo il fallimento della classe politica,  serve un candidato civico per chiamare a raccolta la società civile. E  dentro le liste civiche ogni partito o movimento , ed ogni singolo candidato, giocherà la sua partita. D'altra parte, il civismo ha una tradizione antica in Romagna come in Emilia, e  su tematiche come scuola, viabilità e servizi sociali ogni interesse di partito anziché essere d'aiuto può soltanto complicare le cose. Consapevole di questo,  Fli ha mosso un passo indietro ed è pronta a lasciare la scena, a Cesenatico come a Bertinoro,  alle forze sane della società!": conclude la coordinatrice  provinciale di Futuro e libertà di Forlì-Cesena , Elisa Petroni.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -