Bertinoro, il Pd: "L'opposizione semina caos sul porta a porta"

Bertinoro, il Pd: "L'opposizione semina caos sul porta a porta"

BERTINORO - La raccolta differenziata con sistema porta a porta e di prossimità per le aree collinari e a bassa densità abitativa partirà il 4 di ottobre. Leggendo alcuni articoli apparsi sulla stampa locale notiamo che le forze di minoranza hanno già decretato il fallimento del sistema in via adozione, già ora, senza nemmeno aspettare il 5 di ottobre.


Il Partito Democratico di Bertinoro difende con forza la scelta della raccolta differenziata. Siamo convinti che  questa sia, non solo la strada obbligata, ma anche giusta, per praticare nel concreto un vivere più sostenibile, rispettoso dell'ambiente e della salute; sia perché in questo modo si toglie alla via dell'inceneritore la maggior parte degli scarti, sia perché si vanno a modificare le abitudini dei cittadini invitandoli a consumare meno e meglio e a prediligere prodotti con imballi minimi o comunque riciclabili.


È una rivoluzione del vivere. È un progetto che porta ciascuno a rimettersi in gioco. Si abbandona la vecchia e comoda strada per una nuova. Non si demanda più a terzi di inquinare il meno possibile ma si sposta la responsabilità direttamente su di noi. Si cambia. Inevitabilmente ci si dovrà armare di pazienza e buona volontà. Contrariamente a quanto detto da Pri e Pdl, i cittadini non vengono lasciati soli in questo sforzo. Telefonando in comune, andandoci personalmente, chiamando i due numeri verdi (quello comunale e quello di Hera) si possono avere informazioni e chiarimenti.


I consiglieri di minoranza lanciano l'allarme caos? Al momento la disinformazione parte da loro, con il loro allarmismo, con il loro paventare multe (smentite dalla stessa Hera) e il loro freno a mano tirano di fronte al cambiamento. Si raccolgono firme per un referendum che blocchi questo sistema di raccolta? Se non si vuole fare solo strumentalizzazione è onesto informare i cittadini che il valido ed utile sistema del referdum ha dei tempi e dei modi stabiliti dalla legge e che è impraticabile a pochi giorni dall'avvio del porta a porta.


Noi ci crediamo al cambiamento e crediamo anche che il sacrificio chiesto a tutti noi sia una contropartita tollerabile alla luce dello scopo finale.  

 

Segreteria del PD di Bertinoro

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Homer
    Homer

    Approfitto del commento per chiedere al Sig. Capacci che sicuramente ne sa più del sottoscritto : se come mi auguro il PAP di Bertinoro e Forli riuscirà a raggiungere livelli di differenziato sostanziale, quando si prevede di mettere in discussione il modello ed i quantitativi di incenerimento del forlivese? Perchè credo che la chiave sia tutta qui. Se si chiedono sacrifici in nome della salute pubblica si fa presto. Se lo si fa perchè l'inceneritore bruci materiale proveniente da altre zone ( o altra tipologia di materiale), la cosa cambia in maniera radicale. Grazie.

  • Avatar anonimo di P.Kc.
    P.Kc.

    Si afferma che il "porta a porta" è più scomodo perche "costringe" a differenziare. E'vero! è un po' più scomodo. Ma anche il cassonetto non è il massimo delle comodità, bisogna scendere arrivare al cassonetto, magari piove. Se il metro sui rifiuti è solo la comodità, allora più comodo sarebbe gettare tutto dalla finestra, suggeriamolo al PRI-PdL

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -