Bertinoro, si ripete l'affollato rito dell'ospitalità

Bertinoro, si ripete l'affollato rito dell'ospitalità

Bertinoro, si ripete l'affollato rito dell'ospitalità

BERTINORO - Domenica 5 settembre si rinnova a Bertinoro, attorno alla Colonna delle Anella, l'antico rito dell'ospitalità. Anche quest'anno gli ospiti che pranzeranno nelle case dei bertinoresi saranno molto numerosi Un rito rito suggestivo nella sua semplicità che si rinnova da 84 anni. Al momento del raduno di tutti ai piedi della colonna dell'ospitalità verranno chiamati per microfono ad uno ad uno gli ospiti ufficiali della Festa. Questi sceglieranno una delle buste appese alla Colonna delle Anella corrispondente alla famiglia che li ospiterà durante la giornata.

 

"E' un semplice gesto di amicizia - dichiara Nevio Zaccarelli, sindaco di Bertinoro -  ma davvero unico nel suo genere, che fa incontrare famiglie e ristoratori di Bertinoro con i tanti ospiti che la domenica mattina si recheranno a staccare una busta alla Colonna delle Anella". Una volta terminata la chiamata degli ospiti ufficiali, le buste rimanenti saranno a disposizione dei presenti e chi vorrà avrà la possibilità di provare l'esperienza di entrare in una casa bertinorese ed essere accolto nello spirito di amicizia e fratellanza di questa manifestazione.

 

Bertinoro è conosciuta come città dell'Ospitalità. Si narra infatti che corresse l'anno 995 quando, nell'antica Bertinoro, il giudice Andrea convocando un convegno di pace per risolvere le contese sorte fra le più potenti famiglie del territorio si trovò di fronte al problema di dove far ospitare i nobili convenuti. Il problema fu risolto con un patto tra i nobili locali che inizialmente si contendevano gli ospiti illustri per averli nelle proprie dimore. Secondo la tradizione, due secoli dopo, Arrigo Mainardi e Guido del Duca fecero erigere la famosa "Colonna delle Anella" o "Colonna dell'Ospitalità". Con la colonna dotata di anelli ogni forestiero legava il proprio cavallo ad un anello che apparteneva ad una famiglia locale e automaticamente diveniva ospite di questa.

 

IL PROGRAMMA

Domenica 5 settembre

Il Corteo Storico. La mattinata comincerà alle ore 10.00 con il corteo storico in cui dame, cavalieri, guerrieri medievali, sbandieratori e rappresentanti dei Rioni partecipanti al Palio della Madonna delle Nevi partiranno da Piazza Garibaldi per dirigersi in Largo Cairoli per la premiazione del Vignaiuolo Nuovo.

 

Il Vignaiuolo Nuovo. Il corteo si fermerà accanto al Monumento al Vignaiuolo, dove il sindaco , alle ore 10.30, conferirà il premio al "Vignaiuolo nuovo" che quest'anno è stato individuato in Roberta Pambianco dell'azienda agricola "Podere La Rocca". Si tratta di un riconoscimento che annualmente viene conferito ad un giovane vignaiuolo che si è particolarmente distinto per l'impegno e la professionalità in questa attività che a Bertinoro ha raggiunto livelli di eccellenza.

 

IL RITO DELL'OSPITALITÀ

Dal Monumento al Vignaiolo partirà il corteo con i rappresentanti le istituzioni, le delegazioni straniere e gli ospiti che si dirigerà verso Piazza della Libertà dove, alle ore 11.00, si terrà lo spettacolo di bandiere degli sbandieratori di Forlimpopoli seguito dall'intervento del Sindaco, Nevio Zaccarelli.

 

La Colonna delle Anella. Al termine verranno chiamati per microfono ad uno ad uno gli ospiti ufficiali della Festa. Questi sceglieranno una delle tante buste appese alla Colonna delle Anella corrispondente alla famiglia che li ospiterà durante la giornata.

 

Il desiderio di provare direttamente l'esperienza dell'ospitalità sta crescendo di anno in anno e si sta allargando non solo al tradizionale centro cittadino, ma a tutte le località del comune.

Una volta terminata la chiamata degli ospiti ufficiali, ci sarà la possibilità anche da parte di qualcuno dei presenti di provare l'esperienza di entrare in una casa bertinorese ed essere accolto nello spirito di amicizia e fratellanza di questa manifestazione. Pomeriggio di festa e musica con i Khorakhanè in concerto

 

Al termine del pranzo ci si ritroverà tutti in piazza della Libertà dove il gruppo dei Khorakhanè allieterà i presenti con il loro concerto dove presenteranno, tra l'altro i brani tratti dal loro ultimo CD.

 

Concerto finale e fuochi d'artificio. Nella serata ancora musica, questa volta folkloristica,  con l'orchestra "MIRKO GRAMELLINI" che accompagnerà il pubblico verso l'ultimo appuntamento della festa dell'Ospitalità previsto per le ore 23.00 quando il cielo di Bertinoro si illuminerà con i fuochi d'artificio. Mercatino dell'artigianato e hobbistico: Per tutta la giornata le vie del centro storico saranno anche animate da numerosi banchi con prodotti artigianali e hobbistici.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -