Bertinoro, siti porno. Continuano le indagini sui dipendenti comunali

Bertinoro, siti porno. Continuano le indagini sui dipendenti comunali

Bertinoro, siti porno. Continuano le indagini sui dipendenti comunali

BERTINORO - Facebook e siti porno. Queste le indiscrezioni sull'inchiesta coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica, Filippo Santangelo, che vede indagati 5 dipendenti del Comune di Bertinoro con l'accusa di peculato e abuso d'ufficio. Da venerdì, giorno del blitz in Municipio, gli agenti e i tecnici informatici della Squadra Mobile di Forlì sono al lavoro sul materiale scaricato dai pc dei quali sono state copiate le memorie. Tra questi anche il portatile del sindaco, Nevio Zaccarelli.

 

Il primo cittadino non è indagato, ma il suo computer, di proprietà del Comune, resta in ufficio, come quelli di tutti, a volte anche incustodito. Ora gli agenti devono lavorare anche per capire chi avuto accesso ai pc. Le indiscrezioni parlano di filmati porno scaricati durante lìorario di lavoro per i 5 indagati, ma per ora le bocche sono cucite.

 

 

 

 

 

 

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Gim
    Gim

    @Max67 Sarà per le pu***te....

  • Avatar anonimo di Max67
    Max67

    Come puo succedere?.......... dove trovano il tempo?.............. Quando li vedo uscire dall'ufficio, alla fine dell'orario di lavoro, hanno tutti la camicia bagnata di sudore e la schiena piegata dalla fatica...

  • Avatar anonimo di Lanzo
    Lanzo

    E' colpa delle colleghe che non intrattengono a dovere! Per me facciano prima il loro lavoro e anche bene. Se cazzeggiano vuol dire che chi li organizza non è capace...."il pesce puzza dalla testa". E come dice @rmy i metodi per evitare queste cose ci sono... love and peace

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    E' un malinteso... Probabilmente nel tentativo di andare a informarsi su YouDem, per sbaglio sono finiti su YouPorn.

  • Avatar anonimo di @rmy
    @rmy

    Come ho già scritto nella notizia analoga, peraltro scritto prima che uscisse questo chiarimento, è un fenomeno che si verifica nel 80% degli ambienti di lavoro con computer e accesso al web. Cosa ci sia di tanto sbalorditivo non lo capisco e tra l'altro è un fenomeno che può essere prevenuto molto facilmente

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -