Blitz contro la 'Ndrangheta: sequestrati beni per 150 mln di euro

Blitz contro la 'Ndrangheta: sequestrati beni per 150 mln di euro

Ancora un pugno allo stomaco della criminalità organizzata inferto dalle forze dell’ordine e dalla magistratura. I carabinieri del comando provinciale di Locri nel corso di un'operazione in provincia di Reggio Calabria e in Lombardia, hanno sequestrato beni per circa 150 milioni di euro. Si tratta di un ‘tesoretto’ che farebbe capo alle famiglie Nirta-Strangio e Pelle-Vottari, coinvolte nella sanguinosa faida di San Luca che ha portato alla strage di Duisburg di Ferragosto.


Tra i beni posti sotto sequestro figurano aziende, attività commerciali, abitazioni, terreni, polizze assicurative ed auto di lusso. Ma anche una casa parrocchiale in uso a don Pino Strangio, rettore del santuario della Madonna di Polsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini andavano avanti da circa un anno e hanno consentito di scoprire nei giorni scorsi una serie di bunker in cui i latitanti del gruppo Pelle-Vottari si sono rifugiati anche recentemente. Un ultimo rifugio è stato rinvenuto a Locri al piano terra dell'abitazione di Giuseppe Pelle, figlio del boss latitante Antonio 'Gambazza'.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -