Bologna: assegnati 49 alloggi pubblici

Bologna: assegnati 49 alloggi pubblici

Bologna: assegnati 49 alloggi pubblici

BOLOGNA - Quarantanove alloggi pubblici saranno consegnati nei prossimi giorni a famiglie in lista d'attesa e assegnatari che hanno chiesto di poter traslocare. Si tratta per lo più di anziani che vivono in stabili senza ascensore. Il presidente di Acer, Enrico Rizzo, ha partecipato all'inaugurazione degli alloggi ristrutturati al civico 27 di via Tebaidi e ai numeri 24 e 26 di via Bolognese. "Sembra una cosa banale, ma c'è gente qui a cui cambierà la vita".  

 

In primavera saranno pronti altri 53 appartamenti, la rimessa interrata per 121 posti auto, 2 negozi e un asilo nido, tutti su via Dall'Arca. Tra via Niccolò Dall'Arca, via Bolognese, via Colonna e via Tibaldi, l'Acer ha investito 9 milioni di euro per il recupero di 142 alloggi. Una sorta di miracolo, dato che i lavori erano stati fermi per due anni a causa di un contenzioso con la società appaltatrice, che aveva chiesto un milione di euro per continuare i lavori. La questione si è risolta a favore di Acer dopo il ricorso presentato al tribunale di Bologna. Nel frattempo la società è fallita. 

 

Presente all'inaugurazione per Palazzo D'Accursio, l'assessore alla Casa, Virginio Merola. "Sarà un buon Natale per le famiglie che entreranno in questi alloggi- ha osservato - e per questa zona, che è destinata a diventare una delle più belle della città". Solo nel quartiere Navile, ha stimato il presidente Claudio Mazzanti, al termine dei lavori di riqualificazione gli alloggi assegnati saranno 4-500.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nota dolente, invece, per quanto concerne uno stabile di via Raimondi ed un edificio che si affaccia tra le vie Luigi Serra, Albani e De Vincenzo. "I cantieri stavano per partire- ha riferito Mazzanti- ma si sono fermati perchè il ministro Tremonti con la legge 133 ci ha tolto i fondi che ci aveva dato il governo Prodi. Ora siamo in attesa di altre risorse", ha concluso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -