BOLOGNA - Bianchi (Ltb) a Cofferati: ''Comune era garante e aveva obbligo controllo''

BOLOGNA - Bianchi (Ltb) a Cofferati: ''Comune era garante e aveva obbligo controllo''

Bologna, 4 apr. - (Adnkronos) - "Il Comune di Bologna, in qualita' di garante del programma, aveva il ruolo di controllore, doveva convocare ogni sei mesi il tavolo dei firmatari per verificare l'attuazione dei progetti".

Alex Bianchi, consigliere comunale de 'La Tua Bologna', ribatte con queste parole al sindaco Sergio Cofferati che, a fronte dell'accusa mossa al Comune dall'esponente della lista civica di non avere svolto funzione di garanzia dei progetti in Sri Lanka, avviati all'indomani dello tsunami del 26 dicembre 2004, ha invitato il consigliere a "rivolgersi alla magistratura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il sindaco - aggiunge ancora l'esponente de 'La Tua Bologna' - dimostra di avere poca memoria o di volersene dimenticare come ha fatto con la clinica mobile. Infatti non ricorda cio' che ha firmato il 13 luglio 2005, ovvero l'ultimo comma del protocollo d'intesa sugli aiuti allo Sri Lanka: il presente protocollo - cita Bianchi - entrera' in vigore dalla data di sottoscrizione tra le parti. Il Comune di Bologna, in qualita' di garante del programma avra' il ruolo di convocare semestralmente il tavolo dei firmatari per verificare l'attuazione dei progetti in essere".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -