BOLOGNA - Camera Commercio, rallenta crescita imprese ultimi mesi 2006

BOLOGNA - Camera Commercio, rallenta crescita imprese ultimi mesi 2006

Bologna, 12 mar. - (Adnkronos) - Rallenta, negli ultimi mesi del 2006, la crescita delle imprese bolognesi, in un anno che comunque si conferma di forte ripresa ed espansione. A presentare i dati relativi all'ultimo trimestre dello scorso anno il presidente della Camera di Commercio di Bologna, Gian Carlo Sangalli, che ha chiarito come la ragione di questo andamento 'altalentate' vada da ricercarsi nella necessita' di un fisiologico assestamento delle aziende che stanno ricominciando a crescere. Dopo che la scorsa estate l'attivita' produttiva del settore manifatturiero bolognese aveva realizzato i migliori valori di crescita degli ultimi 5 anni (in particolare le sportazioni erano cresciute del 5%) negli ultimi mesi del 2006, ha spiegato, si e' invece rilevata una lieve pausa.

Per quanto riguarda, in particolare, il settore manifatturiero, dopo che a settembre aveva fatto registrare i valori migliori da cinque anni, l'ultimo trimestre del 2006 ha mostrato una pausa che colpisce in particolare l'export, cresciuto solo dello 0,4% rispetto allo stesso trimestre del 2005. I livelli di produzione sono cresciuti del 2% rispetto alla fine del 2005 e il fatturato e' cresciuto del 2,8%. Positivo l'andamento degli ordini che mostrano una crescita vicina al 3%. Nonostante dunque il rallentamento di fine anno, il 2006 si e' chiuso con una crescita importante del settore manifatturiero nel suo complesso.

Le imprese del settore 'carta ed editoria' e 'chimica, gomma e plastica', ha spiegato ancora Sangalli, mostrano un andamento sostanzialemtne analogo caratterizzato da buon tasso di ordinativi (+3%), accompagnato da decelerazione di fatturato e produzione, che si mantengono comunque su valori ampiamente positivi fra il 2 e il 3%. Per quanto riguarda invece la metalmeccanica, si attenua la crescita del quarto trimestre di produzione e fatturato, che si attestano rispettivamente intorno al 2,4% e 3,4%.

La tendenza si conferma anche per i settori di punta come quelli della meccanica di precisione (ordinativi +3,5%), dell'elettricita' ed elettronica (ordinativi +2,8%) e delle macchine ed apparecchi meccanici (+2,7%). Fa eccezione il settore dei metalli che dopo avere fatto registrare un secondo trimestre in crescita decisa, seguito da una decelerazione nel terzo trimestre, evidenzia tassi di crescita di produzione (3,2%), fatturato (+4,6%) e ordinativi (+4,9%) che rimangono decisamente positivi. In controtendenza le sportazioni che continuano a decelerare e nel quarto trimestre raggiungono +0,2% su base annua.

Per quanto riguarda il quadro previsionale, ha concluso il presidente della Camera di Commercio, l'economia emiliano romagnola e quella bolognese in particolare dovrebbe recuperare innanzitutto negli investimenti in macchinari e impianti, stimata con un tasso di crescita superiore al 5%. Tale crescita andrebbe a sostenere la domanda interna che dovrebbe aumentare dell'1,3%, nonostante una sostanziale stasi degli investimenti in costruzioni (+0,3%) e una crescita moderata dei consumi delle famiglie (+1%).
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -