Bologna: controllo del territorio, arrestate quattro persone

Bologna: controllo del territorio, arrestate quattro persone

Bologna: controllo del territorio, arrestate quattro persone

BOLOGNA - I carabinieri di Bologna, nel corso dei servizi  finalizzati alla prevenzione e alla repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nella zona universitaria, hanno tratto in arresto D.A.S., 40enne italiano, originario della Campania, residente a Bologna ma di fatto senza fissa dimora, nullafacente, pregiudicato, sorpreso mentre in via Zamboni spacciava 5 dosi di hashish ad un 16enne italiano della provincia di Caltanissetta, incensurato. L'uomo è stato portato presso le camere di sicurezza dell'Arma mentre l'acquirente è stato segnalato al Prefetto quale assuntore di sostanze stupefacenti.

 

Dopo meno di un'ora i militari traevano in arresto C.V., 22 rumeno, domiciliato a Bologna, disoccupato, incensurato, con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, estorsione e borseggio. Dopo aver borseggiato il portafoglio ad una 34enne, l'uomo ha contattato telefonicamente la vittima richiedendo una somma di denaro per la restituzione del portafoglio, fissando il luogo della consegna. Ad attenderlo all'appuntamento c'erano anche i Carabinieri. A quel punto il delinquente, pur di non sottoporsi all'arresto, ha opposto resistenza ai militari: bloccato, è stato portato alla locale casa Circondariale a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più tardi sono stati arrestati anche C.G, 20enne e S.V. 19enne, entrambi rumeni, in Italia senza fissa dimora, nullafacenti e pregiudicati. I due giovani sono stati fermati per un controllo e al termine degli accertamenti sono risultati, a carico di entrambi, provvedimenti da eseguire. Nei confronti di C.G., un ordine di carcerazione emesso nel decorso mese di settembre, dovendo lo stesso scontare alcuni giorni di reclusione per il reato di furto aggravato in concorso, mentre nei confronti di S.V., un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per il reato di tentato furto aggravato in concorso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -