Bologna, De Maria (Pd): �Primarie, anche se si vota a marzo�

Bologna, De Maria (Pd): “Primarie, anche se si vota a marzo”

BOLOGNA - Primarie 'larghe', anche in caso di voto a marzo. Il segretario provinciale del Pd, Andrea De Maria, lancia gia' la consultazione tra gli elettori per scegliere il candidato sindaco del centrosinistra per Palazzo D'Accursio. Ma ci sono i tempi tecnici per fare le primarie? "Penso di si'". Prima "portiamo a casa il fatto che si voti il 28 marzo- dice il segretario- poi programmeremo la campagna elettorale. Lavoreremo con le altre forze del centrosinistra, appena sara' ufficializzata la data del 28 marzo", con l'obiettivo di individuare il candidato.

 

De Maria parla dunque di "centrosinistra", dopo che nei giorni scorsi si era fatta l'ipotesi di un'intesa con l'Udc. "Noi abbiamo un metodo, quelle delle primarie, da cui partire per il confronto con le altre forze del centrosinistra", non si scopre il segretario  L'appuntamento in casa Pd per discutere del voto comunale e' martedi' in direzione con il segretario nazionale Pierluigi Bersani. De Maria non vuole sentire parlare di commissariamento della federazione provinciale, dove il suo incarico e' in scadenza.

 

"Che venga il segretario nazionale e' un segno di intelligenza- dice- Bologna ha i suoi organismi dirigenti, sono in campo e faranno il loro lavoro in stretto collegamento con gli organi nazionali". Ma e' vero che ritira la sua candidatura alle regionali? "Della Regione si parla dopo, ora abbiamo una cosa piu' importante che e' la sfida al Comune di Bologna".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -