Bologna, Delbono ufficialmente ex sindaco: rassegnate le dimissioni

Bologna, Delbono ufficialmente ex sindaco: rassegnate le dimissioni

Bologna, Delbono ufficialmente ex sindaco: rassegnate le dimissioni

BOLOGNA - Flavio Delbono ha rassegnato ufficialmente le sue dimissioni da sindaco di Bologna. L'ex primo cittadino felsineo si è presentato giovedì pomeriggio intorno alle 15 a Palazzo D'Accursio per il Consiglio Comunale per l'approvazione del Bilancio 2010. Quindi poche parole: alla luce di quanto previsto dall'articolo 53 del Testo unico degli enti locali, "rassegno le mie dimissioni dalla carica di sindaco di Bologna". Quindi nessun altro commento.

 

Delbono ha stretto le mani ai presenti, mentre l presidente del Consiglio, Maurizio Cevenini, ha sciolto la seduta. Ecco cosa cita l'articolo 53, comma 3, del Testo unico letto da Delbono: "Le dimissioni presentate dal sindaco o dal presidente della provincia diventano efficaci ed irrevocabili trascorso il termine di 20 giorni dalla loro presentazione al Consiglio. In tal caso si procede allo scioglimento del rispettivo Consiglio, con contestuale nomina di un commissario".

 

L'ultimo atto di Delbono da sindaco di Bologna e' stata un'incombenza meccanica, compiuta in maniera rapida ma certo non indolore: chi ha parlato col sindaco nelle ultime ore lo ha descritto come un uomo molto provato dagli avvenimenti. Dopo un passaggio in ufficio, Delbono se ne e' andato per un'uscita secondaria, evitando i microfoni. Ma sulla strada ha incontrato Manes Bernardini, consigliere e segretario leghista, che l'ha abbracciato, con gli occhi lucidi di commozione. "Avevo ottimi rapporti col sindaco- ha affermato dopo Bernardini- la politica e' una cosa...".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -