BOLOGNA - Domani la terza giornata di ''Universo Donna''

BOLOGNA - Domani la terza giornata di ''Universo Donna''

La terza giornata della manifestazione Universo Donna, in programma sabato 5 maggio, vede i grandi protagonisti della moda Made in Italy a confronto con il pubblico cittadino. Dalle 10.00 alle 19.00 una tournee di interventi dei grandi nomi del fashion con momenti convegnistici moderati da Michele Grossi, presentatore e attore per la RAI e MEDIASET e manager di TELE Più.

Ad aprire gli incontri, presso la Sala del Quadrante a Palazzo di Re Enzo, dalle ore 10.15 alle 11.00 "Viaggio attraverso i gioielli" Fiorella Pallas, l’ideatrice e la fondatrice di Mii Amo, presenta le sue creazioni.


L’idea dei gioielli olistici, nasce da un viaggio presso le comunità degli Indiani D’America, in cui decide di abbandonare la sua carriera di manager per creare una linea tutta sua di gioielli contemporanei, studiata per suscitare emozioni e suggerire, attraverso design, colore e materiali, un percorso alla scoperta del proprio io, infatti Mii Amo, nella lingua degli indiani d’America significa “trova il tuo percorso”. Il design Mii Amo esprime la sintesi raffinata tra rimandi simbolici di antiche culture e un segno moderno è la sintesi raffinata tra rimandi simbolici di antiche culture e un segno moderno di forte personalità.


Dalle ore 11.00 alle 11.45 sarà la volta di “Liolà: moda in jersey 100% made in Italy”, seminario condotto da Fernanda Giulini, la coordinatrice del team stilistico di Liolà, impresa familiare a vocazione internazionale, con una forte tradizione culturale, che si trasmette nelle attività industriali, agricole e sociali: 30 anni di bilanci in attivo con autofinanziamento totale. Le collezioni, 100% made in Italy in tutte le taglie, sono uniche per creatività e tecnologia con la più diversificata offerta nella maglia-jersey esistente sul mercato. Creazione di filati e tessuti esclusivi che con la loro qualità consentono di realizzare una collezione moda anche nelle taglie grandi. Liolà ha scelto una comunicazione etico/culturale legata alla “corporate social responsability”, un forte impegno sociale per l’occupazione in Italia, il paesaggio intatto nelle imprese agricole, la tutela delle radici culturali nelle dimore storiche di famiglia.

Il terzo incontro alle ore 12.00 -12.45 con “Tradizione sartoriale italiana nel terzo millennio” Filippo Montanari titolare dell’Atelier sartoriale Filippo di Luca.

Da sempre sinonimo di gran classe, l’atelier di sartoria Filippo De Luca, grazie al perfetto equilibrio tra rispetto dell’arte sartoriale italiana, attenzione alla moda e ricerca innovativa, propone capi d’abbigliamento particolari, ricercati e al contempo classici, di grande attualità e trendy che permettono di spaziare dall’impeccabile all’informale con raffinatezza e un tocco di originalità.


Molto atteso dalle 14,30 alle 15.00 l’intervento di Andy dei Bluvertigo. L’artista esplora “Il rapporto tra arte e moda: come una tela diventa abito”. Andy, esponente del progetto Flu-on, dopo anni di tournee e apparizioni televisive si propone oggi in ruoli diversi, cercando di unire più forme di espressione: dipinge grandi quadri fluorescenti su tela, compone colonne sonore per la danza contemporanea e il teatro, mixa la musica New Wave degli anni ‘80 nei club è copresentatore di due programmi di Mtv. La sua vision è "il reset (spegnersi e riaccendersi)", ovvero il grado zero della creatività posto ad esplorare contesti diversi da contaminare. Oltre alle mostre personali, collettive e nei club, la sua pittura viene applicata e commissionata in ambiti aziendali, come il settore della moda o quello pubblicitario.

Alle 15.15 il seminario “Quando la creatività lotta con l’economia” di Jean Claude Poderini, creatore del marchio Claudio Derimi, inizialmente riservato alle calzature femminili e poi esteso anche a quelle da uomo e a tutto il mondo degli accessori in pelle. Poderini è docente di design al Polimoda di Firenze, e dichiara “Sono un uomo che crede nell’originalità e combatto tutti i giorni contro i dettami della moda e dell’economia, per questo, esistono delle difficoltà a imporsi nel mercato”. Conosciuto in tutto il mondo, ha esposto nelle principali fiere internazionali come il MICAM, MODACALZADO e il MIDEC di Parigi. Oggi, a UNIVERSO DONNA, si svela raccontando la sua guerra personale nella difesa della creatività.


L’ultimo seminario della giornata dalle 16.15 alle 17.00 “Cristina Effe: il segreto di un successo”.

La parola a Dario Faietti, il direttore commerciale del brand Cristina Effe, linea femminile d’impatto fresco e giovane, ripercorre la storia di questo marchio che ha spinto e promosso la Bertelli srl nel panorama italiano della moda. Cristina Effe ha scelto Pamela Camassa come testimonial per la sua linea primavera/estate 2007. Le luci e le atmosfere della campagna pubblicitaria anticipano quello che è il concept della stagione: ispirazione anni 80, con tocchi in oro e argento, leggins, cinture importanti e colori decisi.


A conclusione degli appuntamenti alle ore 18.30 nel Cortile del Palazzo la performances musicale curata dal Conservatorio G.B. Martini di Bologna MOON GALS “in jazz” eseguita da Veronica Farnararo (voce), Mimma Pisto (voce), Michele Corcella (chitarra), Maestro Marco Micheli (contrabbasso), Roberto Rossi (batteria).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A seguire light dinner ad invito.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -