BOLOGNA - Fermato un giovane per violenze alla fidanzata

BOLOGNA - Fermato un giovane per violenze alla fidanzata

BOLOGNA - Verso le ore 16.45 circa di ieri, domenica 10 giugno 2007, sul numero di Pronto Intervento 112, giungeva la telefonata di un tassista che stava trasportando una giovane ragazza in evidente stato confusionale, che presentava delle ecchimosi sul corpo e che riferiva di volere l’aiuto dei carabinieri poiché inseguita dal suo fidanzato. La pattuglia giungeva immediatamente in via di Corticella e bloccava tanto il taxi con la ragazza a bordo (una giovane studentessa universitaria), quanto un’altra vettura, guidata dal fidanzato che la stava seguendo.

Il giovane veniva condotto in caserma per accertamenti, mentre sulla ragazza, accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Orsola, venivano riscontrate evidenti lesioni ed eseguiti accertamenti per appurare eventuali tracce di violenze sessuali.


Una travagliata relazione sentimentale iniziata da alcuni mesi ma in crisi sarebbe a monte dell’episodio. Il fidanzato da alcuni giorni avrebbe tenuto sotto controllo ossessivamente la ragazza seguendola ovunque. Nel pomeriggio di ieri, dopo un ennesimo litigio, la violenza fisica subita a casa del giovane e minacce con un coltello, la ragazza ha chiesto di poter andare a casa sua a prendere dei vestiti. L’uomo, P. R. bolognese di 33 anni, ha acconsentito a condizione di seguirla con la sua auto. A questo punto, la ragazza impaurita e dolorante ha chiesto aiuto al tassista che ha avvisato i Carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ricostruzione dei fatti e gli elementi raccolti hanno determinato la traduzione dell’’uomo presso la casa circondariale di Bologna con l’accusa di violenza sessuale, minacce aggravate dall’uso del coltello rinvenuto in sede di perquisizione e sottoposto a sequestro, lesioni personali e sequestro di persona.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -