Bologna. Multe zona 'U', Ascom: ''putroppo avevamo ragione noi''

Bologna. Multe zona 'U', Ascom: ''putroppo avevamo ragione noi''

BOLOGNA - "Purtroppo, avevamo ragione noi". Le fosche previsioni di Ascom sulla pedonalizzazione della zona Universitaria, si sono, dunque, avverate, secondo il direttore generale dell'associazione, Giancarlo Tonelli, che ha commentato le cifre rese note dall'assessore comunale alla Mobilità sulle multe elevate per la violazione della zona 'U'.

"L'informazione arrivata ai cittadini- ha rimproverato Tonelli - è stata largamente insufficiente e i dati rivelati oggi lo confermano tristemente. Non possiamo, perà, non sottolineare come vi siano alcuni comportamenti gravi da parte dell'amministrazione comunale in questi mesi".  "I dati relativi alle multe comminate giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, dovevano esser emesse a conoscenza prima - ha continuato il direttore dell'associazione di Strada Maggiore -. Non è possibile scoprire a febbraio quello che e' avvenuto negli ultimi tre mesi dell'anno".  

 

"Le sanzioni venivano notificate con grave ritardo e i cittadini in buona fede continuavano a commettere le stesse infrazioni - ha continuato -. Oggi è lo stesso, ma fino a quando dovranno accadere queste cose", si è chiesto il direttore di Ascom, che aveva chiesto che la zona pedonale fosse aperta al traffico dalle 20 in poi, con gli stessi orari della Ztl. "Non si è voluto fare così- ha attaccato Tonelli- e questo e' il risultato".  I vertici dell'associazione dei commercianti hanno accusato, inoltre, l'amministrazione di scarsa sensibilità e attenzione.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questi mesi- ha spiegato Ascom - le imprese del commercio e dell'artigianato stanno soffrendo per il calo dei clienti e del lavoro. Questi provvedimenti, così pesanti, si vanno ad inserire in un contesto già molto difficile". Insomma, è la conclusione, "la pedonalizzaizone andava gestita in modo più attento. Non e' questo il modo corretto di tenere i rapporti con i cittadini".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -