BOLOGNA - Nuovo stadio a Funo di Argelato, Bortolazzi (Pdci): ''Adeguare le infrastrutture''

BOLOGNA - Nuovo stadio a Funo di Argelato, Bortolazzi (Pdci): ''Adeguare le infrastrutture''

BOLOGNA - “Si vocifera di un possibile spostamento del mega-progetto ‘Romilia’ dalla zona di Medicina a quella di Funo di Argelato, nella pianura nord bolognese. L’area interessata dovrebbe essere quella compresa tra il Centergross e l’Interporto e pare che si stia pensando di affiancare al nuovo stadio un parco tematico ed un centro commerciale”.


Sono le prime parole di Donatella Bortolazzi (Pdci), che si è espressa sull’ipotesi di costruzione del nuovo stadio del Bologna F.C. a Funo di Argelato, in provincia di Bologna


“Nessuno come sempre sembra interessarsi all’impatto dal punto di vista della viabilità che una maxi-opera come questa avrebbe sulle già congestionate ed assolutamente insufficienti infrastrutture della pianura nord. Si dice che l’autostrada sia a due passi, e su questo non v’è ombra di dubbio. Peccato che pensare che i tifosi rossoblù possano recarsi alle partite della loro squadra del cuore in autostrada sia assolutamente irrealistico, visto che puntualmente si verificherà l’intasamento delle uniche direttrici disponibili per raggiungere l’area individuata, vale a dire le vie Ferrarese, Galliera e Saliceto”.


“Tutte e tre queste strade – dichiara Bortolazzi - sono ad un’unica corsia per senso di marcia e non servono chissà quali studi o proiezioni per immaginare il collasso cui una struttura di questo genere le porterebbe in breve tempo. Si dice che la linea ferroviaria sia vicina, ma vi immaginate una piccola stazione come Funo ad accogliere le tifoserie ospiti, che tra le altre dovrebbero essere necessariamente trasportate per mezzo di navette al nuovo impianto? Ancora una volta viene data la precedenza ai piani commerciali e alle appetitose prospettive di investimento piuttosto che all’adeguamento delle infrastrutture che dovrebbero impedire l’effetto ‘cattedrale nel deserto’ cui questi progetti vanno sistematicamente incontro. E poi sarebbe ora che si parlasse non sempre solo di calcio ma che, nell’ottica dell’apertura di un nuovo grande impianto, ci si desse una volta per tutte un approccio davvero polifunzionale che possa ospitare anche le discipline cosiddette minori”.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -